Sport

Vladimir Miholjević: «Il Biokovo ha entusiasmato»

Ciclismo: stranezze e certezze. Nel 2017, alla vigilia del Giro di Croazia, c’era un presunto dominatore, Vincenzo Nibali, che avrebbe dovuto farla da padrone assoluto e invece ha vinto grazie a un abbuono sui traguardi volanti nell’ultima tappa. Quest’anno, invece, al via da Osijek la concorrenza era più livellata, ma poi chi ha indossato la maglia rossa sul Biokovo, Konstantin Siutsou, non l’ha più tolta fino alla cerimonia di premiazione in piazza San Marco, a Zagabria. Stranezze.
La certezza è invece che alla fine la squadra più forte vince e se poi trova un ciclista in ottima forma, come appunto il bielorusso, allora tutto diventa più facile.

Si è conclusa, dunque, con il dominio della Bahrain Merida la quarta edizione del Giro di Croazia, che si è portata a casa, oltre al successo individuale e di squadra, pure tre tappe (Bonifazio, Siutsou e Boaro), dopo che nel 2017 non si era imposta in alcuna frazione. Lo squadrone sembra pronto a giocare un ruolo da protagonista nel prossimo Giro d’Italia, che tra meno di due settimane partirà da Gerusalemme. Pronta, anzi prontissima, pure la CSF Bardiani, che ha collezionato due vittorie (e altrettanti secondi posti nelle stesse tappe) con Tonelli e Simion. Un successo anche per la Nippo Vini Fantini Europa Ovini, con Eduard Grosu. E gli altri? Deludente la Trek Segafredo, maluccio l’Astana, con l’unico Gidich a salvarsi, molto male la Caja Rural, neanche l’ombra del team che l’anno scorso aveva dato filo da torcere alla Bahrain Merida. Bene, anzi benissimo la Meridiana Kamen, che ha sfruttato il palcoscenico “mondiale” garantito dalla corsa trasmessa in 187 Paesi. In tre delle 6 tappe un ciclista della compagine pisinese è andato in fuga, Rumac ha conquistato un bel sesto posto a Zara e il 16º in classifica generale. Il settimo posto nella classifica a squadre è meritatissimo.
A differenze del 2016 (Cavendish) e del 2017 (Nibali) la corsa di quest’anno non ha avuto al via un nome altisonante e anche il numero delle squadre World Tour (soltanto tre) è stato esiguo.
“Nel 2019 ci saranno al via 6-7 squadre del circuito World Tour”, assicura il direttore della corsa, Vladimir Miholjević, che una volta calato il sipario sull’edizione numero 4 è stato un fiume in piena per quel che concerne i ringraziamenti.
“Grazie ai partecipanti, ai 250 membri dell’organizzazione, ai 1.500 volontari nelle sei tappe, agli 800 poliziotti che si sono dati il cambio sui 1.075 chilometri del percorso, a coloro che erano in sella alle moto al seguito. Siamo stati in duemila che abbiamo dato il cuore e messo a disposizione il sapere per questa corsa”.
Soddisfatto il direttore anche della composizione del podio. “Un podio importante con un ciclista di navigata esperienza al primo posto, con il secondo Weening che ha vinto tappe e indossato le maglie di leader al Tour e al Giro e con un giovane di sicuro avvenire come Gidich al terzo posto. Segno che questa corsa ha un suo valore”.
Ma il valore aggiunto di quest’edizione è stato il tracciato. Quest’anno lo scettro va alla terza tappa, quella con la salita fino ai 1.762 metri dello Sveti Jure sul Biokovo. Accanto alla confermatissima tappa con arrivo sul Monte Maggiore e molto seguita specialmente a Porto Albona, nonché a Fiume e nel circondario, la novità assoluta è stata la frazione da Starigrad-Paklenica a Crikvenica snodatasi quasi esclusivamente lungo la Litoranea adriatica.
E l’anno prossimo? “Vedremo di inventarci qualcosa, quest’anno il Biokovo è stato clemente e ci ha permesso di arrivare fino in cima, a differenza dell’anno scorso. Ci ritorneremo sicuramente, forse già nel 2019”, ha concluso il direttore della corsa Vladimir Miholjević, che ha avuto in Luka Mišović un braccio destro di sicuro affidamento.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 146 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
10 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

ABBAZIA | Regolamento generale sulla protezione dei dari personali (GDPR), situazione finanziaria, preparativi per le prossime elezioni... Questi gli argomenti principali di cui si è discusso a...
More inPolitica  

Fiume

ABBAZIA | È allarme punteruolo rosso per le palme di Abbazia. Da qualche anno ormai il vorace coleottero originario dell’Asia sudorientale sta distruggendo una delle piante più caratteristiche della Perla...
More inCronaca fiumana  

Istria

ROVIGNO | Saranno quasi duemila i partecipanti alla 14ª edizione della “Popolana”, la più grande manifestazione sportivo-ricreativa nella città, fiore all’occhiello del turismo In Croazia. Il...
More inCronaca istriana  

Pola

DIGNANO | Giornata mondiale del libro tutta particolare a Dignano: il piacere della lettura e il libro inteso quale strumento di diffusione del sapere sono stati celebrati con l’inaugurazione della...
More inCronaca polese  

Capodistria

Nel corso della IV riunione del Consiglio di programma (CdA) della Radiotelevisione nazionale, tenutasi a Lubiana, è stata avviata la prima discussione sulla Strategia di sviluppo della RTV di...
More inCapodistriano  

FVG

È scomparso Luciano Lago, già professore di Geografia generale, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste e Presidente dell’Università Popolare di Trieste dal 2004 al 2009. Ha...

Cultura

PORTO ALBONA | Soltanto la bellezza dell’anima può sopraffare quella della natura. È la morale della storia raccontata da Melita Adany nel suo libro “Il primo volo – Prvi let”, un volume bilingue,...

Sport

PARENZO | Umago pigliatutto ai Giochi delle elementari. I ragazzi e ragazze della SEI Galileo Galilei fanno bottino pieno, conquistando a Parenzo il primo posto sia nel calcetto femminile che nel...
More inSport  

Arcobaleno

Arcobaleno, aprile 2018
12 Aprile 2018
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, aprile 2018
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi nelle edicole (vedere lista delle edicole in Croazia e Italia) il nuovo numero di "Panorama" e sullo sfogliatore www.editdigital.hr Panorama, n.07, 15 aprile...
More inUltimo numero