Sport

La Croazia stacca il visto per i Mondiali in Russia

PIREO | La grande paura è passata: ai Mondiali di Russia 2018 ci sarà anche la Croazia. Meritatamente, almeno in considerazione di quanto fatto nel doppio spareggio con la Grecia. Dopo la brillante vittoria per 4-1 di Zagabria, ieri al Pireo la nazionale di Zlatko Dalić ha amministrato con grande tranquillità e personalità il cospicuo vantaggio ottenuto all’andata. È finita 0-0, in una partita poco spettacolare e piuttosto bloccata.
Squadra che vince non si cambia. O quasi. Rispetto alla formazione scesa in campo al Maksimir Dalić opera soltanto un cambio, mandando in campo Mandžukić e facendo accomodare inizialmente in panchina Kramarić, autore della quarta rete. L’attacco è guidato da Kalinić, molto positivo nella gara d’andata. Michael Skibbe, tecnico tedesco sulla panchina ellenica, inserisce in difesa il romanista Manolas, che aveva saltato la contesa di Zagabria per squalifica.


Partita bloccata, palo di Perišić

Allo stadio Karaiskaki, già fatale al Rijeka nei preliminari di Champions League, non c’è il tutto esaurito, visto che qualche tifoso di casa ha preferito rimanere sul divano perché non troppo convinto dell’impresa. Inoltre, anche il Grecia è in atto una specie di “guerra fredda” tra gli ultrà, soprattutto quelli dell’Olympiacos, e la Federcalcio.
I padroni di casa provano ovviamente a fare da subito la partita, ma la Croazia regge bene il pressing iniziale, tenendo lontano gli attaccanti di casa dalla porta di Subašić. Al 12’ Zeca chiede il calcio di rigore, che non sembra esserci. La prima occasione capita sui piedi di Papastathopoulos, che dal limite dei sedici metri calcia a lato. I croati rispondono al 25’, la ma punizione di Rakitić è troppo alta. Qualche minuto dopo Perišić si accentra e conclude dal limite dei sedici metri, con Karnezis che controlla. L’interista va vicinissimo al vantaggio al 43’, quando lascia partire una potente conclusione dalla distanza che si stampa sul palo. È la migliore occasione di un primo tempo vede la Croazia controllare la gara senza nemmeno dover strafare. Anzi, sono proprio gli uomini di Dalić ad andare più vicini al gol, a cospetto di una Grecia che non sembra dare l’impressione di poter riaprire il discorso qualificazione.


Stessa musica nella ripresa

Nessuna novità di formazione nella ripresa. E anche la musica in campo sembra quella dei primi 45 minuti: la Grecia cerca disperatamente il vantaggio, ma è tecnicamente limitata, mentre la Croazia di difende con ordine, tentando di tanto in tanto qualche sortita offensiva. Con il passare dei minuti il pressing e l’aggressività dei padroni di casa aumenta. Al 57’ Mitroglu ci prova dalla media distanza, ma Subašić fa buona guardia. Skibbe inserisce Fortounis, lasciato inspiegabilmente in panchina all’inizio, al posto di Christodoupoulos. Fortounis, tanto per ricordare, è stato colui che, entrato nella ripresa, ha dato vita alla rimonta dell’Olympiacos nella gara con il Rijeka. In sostanza, però, gli equilibri non cambiano di un centimetro. La gara rimane piuttosto bloccata e brutta.


Annullato un gol a Pelkas

Al 79’ Pelkas segna da due passi, ma l’arbitro Kuipers annulla per evidente posizione di fuorigioco di Torosidis. La Grecia ha se non altro il merito di crederci sino alla fine. Nell’ultimo quarto d’ora si gioca soltanto negli ultimi quaranta metri della Croazia. Modrić e soci provano di tanto in tanto ad uscire dalla propria metà campo, ma senza troppa convinzione. L’obiettivo primario è infatti proteggere la propria porta. A quattro minuti dalla conclusione Tachisidis mette i brividi a Subašić, ma l’estremo difensore del Monaco blocca con sicurezza. È il pratica l’ultimo assalto da parte dei padroni di casa. Finisce 0-0 e per la Croazia l’obiettivo è raggiunto: quinto Mondiale della sua storia, con la speranza che questa generazione riesca finalmente a dimostrare in pieno il suo valore anche nelle grandi manifestazioni.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 293 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
3 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

ALBONA | Boris Miletić è stato riconfermato presidente della Dieta democratica istriana (DDI) alla 30.esima Assemblea elettiva del partito tenutasi sabato scorso ad Albona, presso il Centro sportivo “Franko...
More inPolitica  

Fiume

Per i bambini la neve rappresenta già di per sé un motivo di divertimento. Se si aggiungono poi le piste per lo slittino, i programmi d’animazione e le lezioni di sci, il gioco diventa ancora più...
More inCronaca fiumana  

Istria

ROVIGNO | All’ultima seduta, tenutasi sabato sera, la sezione locale dell’HDZ del Rovignese ha accolto la richiesta di destituire il consigliere cittadino Sergio Rabar dalla funzione di presidente...
More inCronaca istriana  

Pola

Scoccata l’ora del cambiamento, niente più sarà come prima al cantiere navale Uljanik. E per cambiamento intendiamo quanto avvenuto ieri, durante la seduta dell’Assemblea straordinaria degli...
More inCronaca polese  

Capodistria

CAPODISTRIA | Il progetto “Eduka 2”, per una governance transfrontaliera dell’istruzione, ha fatto tappa ieri a Capodistria con i laboratori dal titolo “Classi transfrontaliere: percorsi didattici...
More inCapodistriano  

FVG

È scomparso Luciano Lago, già professore di Geografia generale, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste e Presidente dell’Università Popolare di Trieste dal 2004 al 2009. Ha...

Cultura

Una monografia scientifica che ripercorre il quarto di secolo in cui l’Italia amministrava la Venezia Giulia e l’Istria, al fine di analizzare e individuare il livello di tutela del patrimonio...

Sport

foto: Davor Javorovic/PIXSELL OSIJEK | La storia si ripete. Nel 22º turno di Prima Lega il Rijeka è stato battuto per 2-1 in casa dell’Osijek, ancora una volta in una partita segnata da espulsioni e calci...
More inSport  

Esuli e rimasti

È stata avvertita ovunque, come scossa tellurica di assestamento, la tensione che ha accompagnato il Giorno del ricordo, sul quale hanno pesato e pesano la campagna elettorale e certa ignoranza che...
More inEsuli e rimasti  

Arcobaleno

Arcobaleno, febbraio 2018
13 Febbraio 2018
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, febbraio 2018
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi nelle edicole (vedere lista) il nuovo numero di "Panorama" e sullo sfogliatore www.editdigital.hr Panorama, n.03, 15 febbraio...
More inUltimo numero