Politica

«Condannare il negazionismo»

TRIESTE | Un Giorno del ricordo “dei ragazzi” a Trieste con centinaia di giovani giunti da varie parti d’Italia per partecipare alla cerimonia sulla Foiba di Basovizza, simbolo di una guerra che ha significato dolore e tragedia, per le tante morti atroci ma anche per un esodo massiccio di cui non si doveva parlare. I ragazzi provenienti dagli istituti scolastici superiori “E. Maiorana” di Seriate (Bergamo), “Corni” di Modena (tecnico e liceo) e “Galasso” di Lecce, hanno aderito al progetto di “trasmissione della memoria” di questi eventi al confine orientale d’Italia, denominato “Le tracce del ricordo”, rivolto alle generazioni più recenti, ideato dal Comune e dalla Lega Nazionale di Trieste. Nel pomeriggio di venerdì sono stati ricevuti nella Sala del Consiglio comunale, dal sindaco Roberto Dipiazza, con il presidente del Consiglio comunale e l’assessore all’Educazione. Presenti anche l’avv. Paolo Sardos Albertini, presidente della Lega Nazionale e il dott. Andrea Vezzà, responsabile del progetto.


La crudezza del ricordo

Sabato mattina i cinquecento studenti hanno partecipato alla cerimonia di Basovizza, in una tersa giornata di bora che non manca di accompagnare questa ricorrenza, quasi a sottolinearne la crudezza del ricordo di fatti difficili da raccontare in un contesto finalmente pacificato. O almeno presunto tale se non fosse per tutti i segnali di intolleranza, pressapochismo, superficialità che giungono da diverse parti del Paese. Una soluzione? “Aumentare l’impegno delle istituzioni per radicare nella coscienza popolare la conoscenza delle tragedie delle foibe e dell’esodo dall’Istria, da Fiume e dalla Dalmazia, facendo sapere che ci furono persecutori e vittime attraverso un’opera di custodia e divulgazione della storia che condanni tentazioni negazioniste o strumentalizzazioni”. È questo il messaggio che scaturisce da quest’edizione del Giorno del ricordo, in pieno clima elettorale, che ne subisce gli strali, le contrapposizioni, complice l’ignoranza e la mancanza di rispetto. Come se la storia fosse un gioco di ruolo da trasformare a piacere. La verità ormai è stata riconosciuta e ben spiegata a vari livelli. Gli storici dell’FVG e non soltanto, hanno analizzato i fatti dai vari aspetti e punti di vista, dando spazio anche alle testimonianze. Chi vuole documentarsi può farlo. E poi ci sono i luoghi, come Basovizza, che rappresentano un chiaro monito.
Con i ragazzi, sabato scorso, c’erano, come da tradizione, le massime autorità civili e militari, tra cui la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che ha più volte ricordato durante il suo soggiorno a Trieste, la sua provenienza istriana, radici che non ha mai dimenticato anche se ha fatto fatica a far capire alle persone, la propria provenienza.


L’Istria dov’è

L’Istria dov’è? Era la domanda più frequente. Una situazione molto simile raccontata da Anna Maria Mori e da tanti altri personaggi che hanno dovuto fare i conti con i decenni di silenzio su questa storia al confine orientale. Erano inoltre presenti il presidente del Consiglio regionale, Franco Iacop, il prefetto di Trieste, Annapaola Porzio, il sindaco del Comune di Trieste, Roberto Dipiazza e tanti rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d’arma e degli esuli.


Alzabandiera solenne

Dopo la resa degli onori alle vittime delle foibe da parte di un picchetto del Secondo Reggimento “Piemonte Cavalleria” con l’alzabandiera solenne, come di consueto c’è stata la deposizione di Corone commemorative ai piedi del monumento, alla quale sono seguite la celebrazione della Santa Messa di suffragio officiata dall’Arcivescovo di Trieste monsignor Giampaolo Crepaldi, con la lettura della Preghiera per gli Infoibati e di alcune poesie da parte di alcuni studenti provenienti da varie parti d’Italia. Il sindaco Roberto Dipiazza ha ricordato per tutti che “da soli 14 anni, il Paese, la nostra patria ha cominciato a prendere piena coscienza di quanto successo su queste terre tra il settembre del 1943 e il febbraio del 1947 da parte dei partigiani comunisti di Tito. Una realtà che per oltre sessant’anni è stata volutamente dimenticata, nascosta, stravolta, misconosciuta. Un dramma figlio della ferocia dei titini jugoslavi, ma nel quale, per amor di verità, i comunisti italiani hanno svolto un ruolo non marginale. Le bestie di Tito qui hanno tracciato una lunga scia di sangue gettando in questa foiba e in altre voragini, italiani della Venezia Giulia e della Dalmazia e altre vittime innocenti. Le persone, prima di essere gettate in queste fosse “con il vertice sprofondato nelle viscere della terra”, come le descrive monsignor Antonio Santin, vescovo di Trieste, venivano legate tra loro con il filo di ferro. La morte non arrivava subito, ma dopo lunghe agonie. Su queste terre si è consumato un eccidio di massa, i cui morti si contanto in metri cubi di cadaveri”.

Non scordare l’esodo

Per tutte queste ragioni, è stato detto “il Giorno del ricordo non deve ritornare nell’oblio o diventare un’immagine sbiadita di quanto accaduto qui durante la Seconda guerra mondiale”.
Ma soprattutto c’è stato l’esodo che ancora pesa sulla realtà di un popolo sparso alla ricerca di occasioni per ricordare, ma anche di quella realtà che non permetta più mistificazioni, vestita di speranza per un futuro pieno fatto anche di successi e prospettive, che superi i dolori e consegni nuova consapevolezza ai figli e ai nipoti di esuli e rimasti.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 144 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
5 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

ZAGABRIA | Le dimissioni dell’amministratore straordinario dell’Agrokor Ante Ramljak hanno aperto un nuovo scenario difficilmente prevedibile un anno fa al momento dell’entrata in vigore della Lex...
More inPolitica  

Fiume

La municipalizzata Čistoća, che si occupa della raccolta dei rifiuti a Fiume e dintorni (Viškovo, Klana, Castua, Jelenje, Kostrena, Kraljevica, Čavle e Buccari), applica in modo inappropriato le...
More inCronaca fiumana  

Istria

foto: Dusko Marusic/PIXSELL In seguito all’allarme meteo lanciato dall’Istituto idrometeorologico statale, le previsioni di freddo e le possibilità di nevicate e forti precipitazioni anche nelle...
More inCronaca istriana  

Pola

foto: Dusko Marusic/PIXSELL Sembrano immagini di film della paura tanto sono cupe, mistiche e malinconiche, eppure sono soltanto relitti di imbarcazioni da pesca tirati a secco dai fondali tra...
More inCronaca polese  

Capodistria

A Bertocchi si è tenuta la rappresentazione teatrale “Innamorati - Opera Rock”, portata in scena dalla compagnia teatrale “Ana-Thema Teatro” di Udine per la regia di Luca Ferri. La sala della Casa...
More inCapodistriano  

FVG

È scomparso Luciano Lago, già professore di Geografia generale, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste e Presidente dell’Università Popolare di Trieste dal 2004 al 2009. Ha...

Cultura

FIUME | Dopo le annunciate dimissioni dell’attuale direttrice Rosanna Bubola, passano a Leonora Surian le redini del Dramma Italiano. L’attrice della compagnia di prosa in lingua italiana del TNC...

Sport

FIUME | Dalla partita a Osijek, persa per 2-1, l’allenatore del Rijeka, Matjaž Kek, ha potuto trarre poche conclusioni sull’efficacia dell’assetto tattico visto che per quasi tutta la gara si è...
More inSport  

Esuli e rimasti

È stata avvertita ovunque, come scossa tellurica di assestamento, la tensione che ha accompagnato il Giorno del ricordo, sul quale hanno pesato e pesano la campagna elettorale e certa ignoranza che...
More inEsuli e rimasti  

Arcobaleno

Arcobaleno, febbraio 2018
13 Febbraio 2018
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, febbraio 2018
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi nelle edicole (vedere lista) il nuovo numero di "Panorama" e sullo sfogliatore www.editdigital.hr Panorama, n.03, 15 febbraio...
More inUltimo numero