Politica

Si punta alla revisione della sentenza

ZAGABRIA | La sentenza emessa nei confronti dei sei ex leader politici e militari dei croati di Bosnia ed Erzegovina continua a movimentare la scena politica nazionale. Il ministro della Giustizia Dražen Bošnjaković ha annunciato che il dicastero effettuerà un’analisi dettagliata e approfondita del verdetto. A tal fine è già stata istituita un’apposita task force. Una volta terminati i lavori verranno convocati gli avvocati per vedere quali strade seguire. “Abbiamo la possibilità di richiedere la revisione della sentenza. Per riuscirci dobbiamo essere in grado di dimostrare che determinate prove presentate dalla difesa nella fase dibattimentale, che non sono state prese in considerazione dalla Corte, potrebbero avere un peso tale da portare a un esito diverso del processo. Se riusciremo ad arrivare a questo punto la decisione finale spetterà ai legali dei condannati e ai condannati stessi: saranno loro a decidere se procedere con la revisione o meno. Nel caso venisse seguita questa strada, la Croazia potrà fare quanto già fatto in precedenza già tre volte, ovvero richiedere lo status di ‘amico del Tribunale’ in modo da potere dare il suo contributo per fare chiarezza su quanto avvenuto”, ha spiegato Bošnjaković.


Non è una sentenza contro la Croazia

Dal momento che diversi politici di Sarajevo affermano che la sentenza ha confermato la responsabilità della Croazia per gli eventi degli anni ’90 in Bosnia ed Erzegovina, sostenendo che vi siano le possibilità per chiedere risarcimenti a Zagabria, Bošnjaković ha ribadito che il verdetto emesso dall’Aja non è rivolto contro la Croazia. Pertanto non vi è alcun rischio che la Croazia debba pagare risarcimenti a chicchessia. Secondo il ministro la posizione del governo è più che chiara: si accetta la sentenza, ma non si condividono alcune parti, in primis quelle che parlano di impresa criminale congiunta e che tirano in ballo i vertici dello Stato dell’epoca. “C’era la guerra e i crimini venivano commessi da tutte le parti, ma i colpevoli hanno un nome e cognome e non si può assolutamente generalizzare parlando di impresa criminale. Per quanto mi riguarda ritengo che la Corte si sia addentrata in una teoria politica che non corrisponde alla verità dei fatti”, ha spiegato. Alla domanda se il concetto di impresa criminale congiunta sia inserito nella legislazione nazionale, il ministro ha risposto: “Noi abbiamo il concetto di responsabilità al comando”. “Questo – ha chiarito – implica la responsabilità del comandante nel caso in cui sia a conoscenza di reati compiuti dai suoi subordinati e non faccia nulla per impedirli. Abbiamo anche una seconda variante relativa alla responsabilità e si riferisce alla situazione in cui il comandante non è a conoscenza dei crimini anche se ha tutti gli strumenti per esserlo”. Infine ha reso noto di avere inviato una lettera al presidente del Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia nella quale chiede chiarimenti su quanto avvenuto in aula, in particolare sul suicidio del generale Slobodan Praljak. Ma non solo, Bošnjaković, ha reso noto di avere chiesto al ministero della Giustizia olandese, titolare dell’inchiesta sul suicidio, di dare la possibilità alla Croazia di prendere parte alle indagini.


Rispettiamo la sentenza

Sul rispetto del verdetto da parte di Zagabria non ci sono dubbi. Ieri da Abbazia il premier Andrej Plenković ha ribadito: “Quale membro responsabile dell’ONU e della comunità internazionale non vi è alcun dilemma sul fatto che la Croazia rispetti la sentenza”. Resta comunque la constatazione che alcune parti del verdetto non soddisfano Zagabria: “Lo abbiamo detto chiaramente e non ci sono spazi per altre interpretazioni”. Della questione il presidente della Repubblica Kolinda Grabar-Kitarović ha parlato a New York al Consiglio di sicurezza. Il capo dello Stato ha dichiarato che i croati riconoscono che alcuni loro connazionali hanno commesso crimini di guerra, però respingono la colpa collettiva che viene loro attribuita dopo la sentenza ai sei ex leader dei croati di Bosnia.


Denunce in arrivo?

A proposito delle denunce citate da Bošnjaković, si moltiplicano le voci secondo le quali a Sarajevo sarebbero in fase di preparazione le denunce da parte degli ex internati, con richieste di risarcimento danni a Zagabria. Ieri il presidente dell’Alleanza degli internati della Bosnia ed Erzegovina Jasmin Mešković, ha confermato che i membri della sua associazione hanno avviato consultazioni sul da farsi con i legali bosniaci, annunciando che la prossima settimana si ricorrerà anche ai servigi di avvocati croati. “Per la prossima settimana abbiamo concordato incontri con diversi team legali in Croazia e con loro studieremo le prossime mosse”, ha dichiarato Mešković, spiegando che i dettagli in merito alle denunce saanno definiti al termine di tutti gli incontri. “Quello che è certo è che non ascolteremo il consiglio del presidente della Presidenza bosniaca, Dragan Čović, che ha invitato tutte le vittime a richiedere i risarcimenti a Sarajevo. Mai e poi mai denunceremo la Bosnia ed Erzegovina”, ha concluso.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 161 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Progetto abbonamenti gratuiti

Gentili lettori,
abbiamo il piacere di informarVi che, su iniziativa della Direzione dell’EDIT, è decollato il progetto degli abbonamenti gratuiti al digitale del quotidiano La Voce del Popolo (della durata di un anno) destinati agli esuli e loro discendenti e più in generale a persone che vivono all’estero (non in Croazia e Slovenia) interessate a seguirci su Internet.

I primi hanno già ricevuto l'email con tanto di codice per accedere all'abbonamento gratuito.

Il progetto continua e chi fosse interessato a ottenerlo e ancora non ci avesse trasmesso i propri dati può farlo inviandoci un messaggio contenente gli stessi all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
6 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

Alle prossime elezioni politiche i cittadini italiani residenti all’estero voteranno, come noto, per corrispondenza. A ricevere il plico elettorale all’indirizzo segnalato al Consolato di...
More inPolitica  

Fiume

Zlatko Komadina, presidente della Regione litoraneo-montana ha invitato il governo a creare un piano B per l’Uljanik e più in generale per tutta l’industria della cantieristica navale. “Il nostro...
More inCronaca fiumana  

Istria

UMAGO | Sin dagli inizi del turismo in Istria, Umago è sempre stata una città che ha ospitato eventi importanti: a partire dal concorso di bellezza Miss Jugoslavia, a incontri di pugilato – uno su...
More inCronaca istriana  

Pola

Si stanno sempre più delineando i contorni della rotatoria di Montegrande all’incrocio tra via Dignano e via Fasana. Iniziati ormai da quasi una settimana, la costruzione dell’isola spartitraffico...
More inCronaca polese  

Capodistria

Candele davanti alla discoteca Ambasada Gavioli di Isola. Le hanno messe gli affezionati per esprimere, in modo simbolico, il loro dispiacere sulla sorte del locale, frequentato anche da migliaia di...
More inCapodistriano  

FVG

È scomparso Luciano Lago, già professore di Geografia generale, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste e Presidente dell’Università Popolare di Trieste dal 2004 al 2009. Ha...

Cultura

FIUME | È grande l’attesa per “Ivica i Marica” (Hänsel e Gretel), il balletto che si rifà sull’omonima celeberrima fiaba tedesca riportata dai fratelli Grimm, in programma venerdì 26 gennaio, nel...

Sport

POLA | Sotto sotto, qualcosa si sta muovendo in seno all’Istra 1961. No, il tanto atteso passaggio di proprietà non si è ancora verificato e chissà se mai avverrà, ma forse un barlume di speranza...
More inSport  

Esuli e rimasti

Con il cuore dentro il cinema, Mario de Luyk, di famiglia lussignana ha sempre tanto da insegnare. È stato in grado di regalare all’Istria e a Fiume momenti indimenticabili, nel vero senso della...
More inEsuli e rimasti  

Arcobaleno

Arcobaleno, dicembre 2017
15 Dicembre 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, dicembre 2017
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi in edicola il nuovo numero di "Panorama"Panorama, n.01, 15 gennaio 2018  
More inUltimo numero