Politica

Croazia. Scatta la missione euro

foto: Dusko Jaramaz/PIXSELL

Fra qualche anno la Croazia potrebbe essere pronta a sostituire la kuna con l’euro. La prospettiva auspicata all’inizio del suo mandato dal presidente della Repubblica, Kolinda Grabar-Kitarović, è tornata in auge in seguito al discorso sullo stato dell’Unione europea pronunciato tempo addietro al Parlamento europeo dal presidente della Commissione europea, il lussemburghese Jean-Claude Juncker. Le parole di Juncker hanno incoraggiato Zagabria a rimboccarsi le maniche al fine di riuscire a soddisfare al più presto tutti i criteri necessari. Che l’obiettivo dell’ingresso nell’eurozona non sia una chimera lo ha confermato ieri anche il vicepremier Martina Dalić, la quale ha sottolineato che il governo e la Banca nazionale croata sono convinti che il momento sia propizio per avviare il procedimento per l’introduzione dell’euro. La vicepremier ha comunque puntualizzato che l’ingresso nell’eurozona è un obiettivo a medio termine. In altre parole non può essere realizzato dall’oggi al domani. Martina Dalić ha evidenziato in questo contesto che la Banca nazionale ha già approntato un’analisi dei costi e dei benefici derivanti dall’introduzione dell’euro, per cui a fine ottobre avrà inizio il dibattito pubblico.
La vicepresidente del governo ha anche rammentato che l’entrata nell’eurozona è uno degli obblighi che il Paese si è assunto al momento dell’adesione all’Unione europea. Ha aggiunto inoltre che la struttura del sistema finanziario nazionale è tale da rendere la Croazia un candidato ideale per l’inclusione nell’eurozona. “I risparmi dei croati sono nella maggior parte dei casi in euro; oltre l’80 per cento dei depositi è in euro; le principali transazioni, dall’acquisto di immobili a quello delle automobili, vengono concordate nella moneta unica europea, che pertanto è già parte integrante della nostra quotidianità”.
Va rilevato inoltre che in un recente incontro con i deputati il primo ministro Plenković ha annunciato che il governo si sta apprestando a stilare la scaletta dei passi da compiere per aderire agli Accordi europei di cambio (AEC). Per l’esattezza la Croazia punta a sottoscrivere l’AEC II, ossia la versione aggiornata degli Accordi. L’AEC II (l’acronimo inglese è ERM II) è il meccanismo di cambio stabilito al fine di garantire la stabilità dei tassi di cambio tra l’Euro e le valute dei Paesi che si accingono a sostituire il conio nazionale con la moneta unica. In parole povere si tratta dell’anticamera di Eurolandia.
Il cammino della Croazia verso la Zona euro potrebbe essere agevolato dalla propensione di Juncker a varare una serie di misure volte a favorire l’adesione alla Zona euro dei Paesi UE che non ne fanno parte. Un progetto che potrebbe contemplare non solo il sostegno tecnico, bensì anche quello finanziario, al fine di aiutare i Paesi a soddisfare i criteri per l’introdurre l’euro. Stando ad alcuni analisti l’intento del presidente della Commissione europea potrebbe essere semplicemente quello di attivare, ossia estendere il raggio d’azione del Programma di sostegno alle riforme strutturali (SRSS) lanciato nel 2015. All’inizio dell’anno, seppure “timidamente”, il governatore della Banca nazionale croata (HNB), Boris Vujić, si era pronunciato a favore dell’adozione dell’euro in tempi stretti. Le sue dichiarazioni erano state interpretate come un tentativo di spianarsi la strada per un secondo mandato di sei anni al timone della banca centrale. Dal punto di vista elettorale l’introduzione dell’euro al posto della kuna come forma di pagamento legale potrebbe influenzare le prossime elezioni parlamentari. Stando ai dati pubblicati dall’Eurobarometro, oltre il 50 p.c. dei cittadini croati è favorevole all’introduzione dell’euro. Di conseguenza, per inerzia molti di quelli che tra costoro sono indecisi su chi votare alle prossime parlamentari potrebbero premiare le forze politiche al potere al momento dell’avvicendamento tra il vecchio e il nuovo conio. Un capitale di voti che il premier Plenković tenterà sicuramente di accaparrarsi. Tanto più che in Croazia proprio il capo del Governo è uno dei più convinti sostenitori del progetto europeo. Agli osservatori più attenti non è sfuggito di vista una particolare circostanza. Vujčić sta ritardando da mesi la pubblicazione dello studio sui lati positivi e negativi dell’introduzione dell’euro in Croazia. Probabilmente proprio con l’intenzione di individuare il timing più adatto per essere in sintonia con i Banski dvori. La nomina del governatore dell’HNB spetta al Sabor, dove al momento vige una maggioranza guidata dall’HDZ. Quando si parla di introduzione dell’euro è opportuno tenere a mente che non si tratta di una decisione esclusivamente di carattere economico, ma anche politico. Per i singoli Paesi adottare l’euro significa dover rinunciare a tessere autonomamente la politica monetaria e dunque rinunciare a un’ulteriore fetta di sovranità nazionale. La Repubblica Ceca e la Polonia, ad esempio, pur essendo nella possibilità di poter adottare la moneta unica non l’anno mai fatto. Prudenti, per non dire riluttanti alla prospettiva di adottare l’euro sono pure l’Ungheria e la Svezia. Nel caso della Croazia l’adozione dell’euro produrrebbe senza ombra di dubbio molti benefici (ad esempio favorire lo sviluppo del turismo), ma anche diversi aspetti negativi non trascurabili (crescita dell’inflazione). Se da un lato le persone che hanno ottenuto dalle banche prestiti denominati in euro non dovrebbero più temere i rischi legati al cambio EUR/HRK, dall’altro non si può escludere un aumento dei prezzi dei beni di largo consumo immediatamente dopo l’introduzione della moneta unica. L’esperienza c’insegna che i commercianti tendono ad arrotondare per eccesso i prezzi al momento della conversione dal vecchio al nuovo conio. Un inconveniente che in realtà si potrebbe evitare fissando un tasso di conversione ponderato con senno. L’introduzione dell’euro potrebbe favorire lo sviluppo del turismo. Bisogna anche tenere conto che non tutti i Paesi di Eurolandia guardano con simpatia all’estensione della Zona euro verso est. Una parte rilevante della politica austriaca, ad esempio, ritiene che non abbia senso includere Paesi nei quali le frodi fiscali e quelle inerenti al costo del lavoro sono all’ordine del giorno. Ostili all’allargamento indiscriminato di Eurolandia sono anche quelle forze e correnti politiche europee che, memori delle conseguenze della crisi greca, non desiderano che l’euro sia adottato da Paesi che non sono in grado di tenere sotto controllo il debito pubblico. Junker, però, può contare sull’appoggio del presidente francese Emmanuel Macron e della Germania, che indipendentemente dalla vittoria alle elezioni di Angela Merkel o Martin Schulz continuerà a condurre una politica filo europea. D’altronde un’UE forte per Parigi e Berlino rappresenta l’unico modo per tenere testa sullo scacchiere internazionale agli USA, alla Russia, alla Cina, al Giappone e alla Gran Bretagna, ossia al Commonwealth delle Nazioni.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 184 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

 

Progetto abbonamenti gratuiti

Gentili lettori,
abbiamo il piacere di informarVi che, su iniziativa della Direzione dell’EDIT, è decollato il progetto degli abbonamenti gratuiti al digitale del quotidiano La Voce del Popolo (della durata di un anno) destinati agli esuli e loro discendenti e più in generale a persone che vivono all’estero (non in Croazia e Slovenia) interessate a seguirci su Internet.

I primi hanno già ricevuto l'email con tanto di codice per accedere all'abbonamento gratuito.

Il progetto continua e chi fosse interessato a ottenerlo e ancora non ci avesse trasmesso i propri dati può farlo inviandoci un messaggio contenente gli stessi all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data age > 6 hrs
Fiume
12 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

Il Tribunale penale internazionale per l'ex-Jugoslavia ha condannato Ratko Mladić all’ergastolo. La corte ha stabilito la sua responsabilità per il genocidio di Srebrenica e altri crimini contro...
More inPolitica  

Fiume

Prenderà il via questo fine settimana il programma dell’Avvento ad Abbazia con l’accensione delle luci dell’albero di Natale davanti all’hotel Continental. Il programma delle festività comprende...
More inCronaca fiumana  

Istria

Un dato preoccupante emerge dalle statistiche elaborate dalla Questura istriana: negli ultimi cinque anni sono in costante aumento i casi di abusi sui minori e di violazione dei loro diritti. Il...
More inCronaca istriana  

Pola

Sarà dopo Capodanno che l’utente del servizio sanitario pubblico tornerà a usufruire degli spazi di Radiologia, Laboratorio centrale e Medicina nucleare in quello che in gergo è definito il “blocco...
More inCronaca polese  

Capodistria

CAPODISTRIA | Con la cerimonia solenne di lunedì sera al Museo regionale è stata ufficialmente fondata la filiale capodistriana della rinomata Università M. V. Lomonosov di Mosca, che sarà...
More inCapodistriano  

FVG

È scomparso Luciano Lago, già professore di Geografia generale, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste e Presidente dell’Università Popolare di Trieste dal 2004 al 2009. Ha...

Cultura

FIUME | Sono stati i magazzini in disuso dell’ex fabbrica “Exportdrvo” in Delta a Fiume a fare da cornice, lunedì sera, allo spettacolo “Orgia”, realizzato in coproduzione dal gruppo teatrale “Glej” di Lubiana...

Sport

FIUME | Era immaginabile e, per certi versi, annunciato, che sarebbe stato difficile ripetere una stagione come quella passata in cui è stato conquistato il primo titolo nazionale della storia del...
More inSport  

Arcobaleno

Arcobaleno, ottobre 2017
15 Ottobre 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, ottobre 2017
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi in edicola il nuovo numero di "Panorama"Panorama, n.21, 15 novembre 2017  
More inUltimo numero