Politica

Plenković a tutto campo: «Economia? Va bene così, e non temo i perdenti»

ZAGABRIA | Il primo ministro Andrej Plenković è stato ospite sabato dell’edizione serale del telegiornale della Nova Tv. Ai Banski Dvori si è recato il giornalista di punta dell’emittente televisiva Mislav Bago, il quale ha incalzato il premier su vari temi a partire dall’Agrokor, passando per rapporti con la Slovenia fino all’ex capo dell’esecutivo, Zoran Milanović, che in una recente intervista ha paventato un suo possibile ritorno nell’arena politica.


Il rating

La scorsa settimana l’agenzia internazionale di valutazione del credito e rating Fitch ha pubblicato una proiezione, nella quale indica che la crescita economica della Croazia è rallentata a causa dell’Agrokor, rallentamento che potrebbe proseguire anche in futuro se la società dovesse continuare ad essere una “palla al piede” per l’economia nazionale.
“Credo che questa valutazione di Fitch sia positiva – ha dichiarato il primo ministro – perché è stato mantenuto lo stesso rating, l’outlook è stabile. Ricordo che sette-otto mesi fa abbiamo avuto il passaggio da negativo a stabile nonostante la crisi che, non solo siamo riusciti a controllare, ma siamo stati in grado di creare un processo gestito dal governo che ha dato vita alla Legge sull’amministrazione straordinaria che, a sua volta, è riuscita a contenere le conseguenze. Guardando al rapporto di Fitch notiamo che la valutazione è solo per piccoli punti più bassa per quanto riguarda la crescita del Pil. Ma è ancora solo una stima, vedremo come sarà l’intera situazione alla fine dell’anno. Non mi aspetto alcun gravi interruzioni nella crescita dell’economia croata, basti guardare alla crescita della produzione industriale in maggio”. Bago gli ha ricordato che le proiezioni delle agenzie di rating sono importanti perché poi da queste dipendono le decisioni degli istituti finanziari internazionali, anche per quanto riguarda i prestiti. “Tutti gli indicatori macroeconomici per la Croazia nel 2016 sono stati positivi e continuano ad esserlo anche quest’anno – le parole di Plenković –. Se non fosse così non ci avrebbero fatto uscire dalla procedura relativa al deficit di bilancio eccessivo. Di questo ne abbiamo discusso anche al Consiglio europeo. Alla fine di giugno il Consiglio Ecofin ha preso le sua decisione, la Commissione ha formulato le sue raccomandazioni, e noi abbiamo adottato il programma nazionale delle riforme. Cooperiamo strettamente con la Commissione tenendoli informati su ogni nostra iniziativa. Tutto ciò su cui la Croazia sta lavorando quando si tratta di consolidamento fiscale riguarda la riduzione del debito pubblico e la preparazione delle riforme strutturali, anche quelle che si applicano alla riforma della pubblica amministrazione. In questa direzione va anche il proseguimento della riforma giudiziaria, del sistema pensionistico, del sistema sanitario e del sistema scolastico. Questi sono gli argomenti chiave davanti a noi”. Il leader dei Banski Dvori si è poi soffermato sulla riforma fiscale dicendo che “ha dato effetti positivi sugli stipendi delle persone”.


La sanità

“La riforma del sistema sanitario è stata presentata negli ultimi giorni dal ministro Kujundžić. Puntiamo ad avere servizi sanitari migliori, ospedali migliori, vogliamo arrivare alla razionalizzazione, alla riduzione del debito nel settore sanitario e, in ultima analisi, vogliamo costruire un nuovo Ospedale pediatrico nella capitale”, ha dichiarato il premier parlando del settore sanitario, ricordando anche che la Croazia ha presentato la propria candidatura per ospitare l’Agenzia europea per i medicinali, dicendosi fiducioso che si riuscirà a centrare l’obiettivo e posizionare così la sanità croata nel contesto europeo. Ma quello che è interessato al giornalista, e non solo, in primis l’opinione pubblica, è l’aumento dei contributi per la sanità che ricadranno sulle tasche dei cittadini. “Ci sarà ancora da discutere. Il ministro Kujundžić sta lavorando con i suoi colleghi e alla fine trarremo le conclusioni”, ha commentato.

Hdz, forte partito di centro-destra

“In un anno da quando sono presidente del partito abbiamo fatto un lavoro a dir poco straordinario. Quando mi candidai per il ruolo di presidente, il partito si aggirava sul 20 p.c.. Dodici mesi dopo questa percentuale si attesta sul 34,3 p.c.. Abbiamo vinto le parlamentari e quelle locali, 19 dei 23 ministri sono dell’HDZ, come dell’HDZ sono il presidente del Sabor, del governo e dello Stato. Credo che questo dica tutto sullo stato di salute dell’Accadizeta. Oggi il partito è posizionato proprio dove lo vedo io, ovvero nel centro-destra: un partito tradizionale moderato che combatte il populismo, la demagogia, che si batte contro tutti quelli che fomentano l’antipolitica”, ha dichiarato Plenković parlando del suo partito. Non si è scomposto poi sui motivi che hanno spinto Davor Ivo Stier a lasciare il ministero degli Affari Esteri ed Europei, dicendo che è stata una sua decisione e che la rispetta, ma che in nessun modo ha danneggiato il partito o il governo. Nella parte finale dell’intervista ha ribadito la posizione di Zagabria per quanto riguarda la decisione del Tribunale arbitrale, ovvero che per la Croazia è una questione chiusa e che bisogna risolvere il problema bilateralmente con Lubiana. Non si è voluto sbilanciare sul cambio del nome di piazza Tito a Zagabria dicendo che è una questione di competenza della città, e ha ribadito il sostegno al capo dello Stato Kolinda Grabar-Kitarović, dicendo che “per come stanno le cose non vedo il motivo perché non sia la nostra candidata anche alle prossime elezioni presidenziali”. Infine alla domanda se teme un ritorno in capo di Zoran Milanović ha risposto: “Non temo i perdenti e nell’ultimo anno c’è ne sono stati molti”.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 275 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
23 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

FIUME | Considerato come si stanno evolvendo le cose, in futuro potremmo trovarci a dover trascorrere al lavoro dai 40 ai 50 anni della nostra vita. A lanciare il monito è stato il preside della...
More inPolitica  

Fiume

Avranno luogo per la prima volta a Fiume, dal 23 al 27 aprile, le Giornate norvegesi, organizzate dalla municipalità e dall’Ambasciata del Regno di Norvegia al fine di fare conoscere la cultura e lo...
More inCronaca fiumana  

Istria

BUIE | Il 19 aprile, l’unico membro ancora in vita del Comitato fondatore della Comunità degli Italiani di Buie, Silvano Posar, ha compiuto i 96 anni. Una delegazione di connazionali, proveniente...
More inCronaca istriana  

Pola

​DIGNANO | Quale occasione migliore della Giornata mondiale del libro, che ricorre il 23 aprile, per inaugurare la nuova sede della Biblioteca di Dignano?Portati a compimento gli ultimi interventi...
More inCronaca polese  

Capodistria

CAPODISTRIA | Il Museo regionale di Capodistria ha avuto in dono cinque reperti architettonici appartenenti a Palazzo Longo, la cui demolizione dello scorso febbraio ha destato abbastanza sgomento...
More inCapodistriano  

FVG

È scomparso Luciano Lago, già professore di Geografia generale, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste e Presidente dell’Università Popolare di Trieste dal 2004 al 2009. Ha...

Cultura

FIUME | Non soltanto un omaggio a Nelida Milani, ma un invito a leggere le sue opere, per chi non lo avesse ancora fatto, e per chi sì, a rileggerle. È questo l’obiettivo di “Miscellanea”,...

Sport

Goran Kovacic/PIXSELL CRIKVENICA | Alessandro Tonelli, fuga per la vittoria. E che vittoria: la prima da professionista per il ciclista della Bardiani - CSF, che è andato a imporsi nella frazione da...
More inSport  

Arcobaleno

Arcobaleno, aprile 2018
12 Aprile 2018
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, aprile 2018
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi nelle edicole (vedere lista delle edicole in Croazia e Italia) il nuovo numero di "Panorama" e sullo sfogliatore www.editdigital.hr Panorama, n.07, 15 aprile...
More inUltimo numero