Politica

La fiducia ai nuovi ministri dopo il voto amministrativo

ZAGABRIA | Il premier Andrej Plenković non ha fretta. Attende che passi anche il secondo turno delle elezioni amministrative prima di avviare l’iter per la nomina dei quattro nuovi ministri che andranno a sostituire quelli esonerati del Most. Per il momento è difficile dire se esista ancora una maggioranza stabile che sia disponibile ad appoggiare il rimpasto di governo. L’idea di porre rimedio alla crisi politica con una sorta di compromesso storico tra SDP e HDZ è sempre accarezzata da qualcuno, ma non appare percorribile. Plenković infatti è convinto che al momento non vi siano gli spazi per creare una grande coalizione con i socialdemocratici. Semmai l’Accadizeta guarda ai partiti di centro come a possibili alleati.


Meglio recarsi alle urne

Nel caso in cui questi non fossero disponibili ad assicurare perlomeno un appoggio esterno all’Esecutivo, il messaggio del premier è molto chiaro: si andrà alle elezioni anticipate. E nel suo partito ci sono già personalità, come il ministro degli Esteri Davor Ivo Stier, che spingono per muoversi senza indugi in questa direzione, e che anzi avrebbero voluto persino abbinare le elezioni politiche a quelle amministrative. Una scelta, quest’ultima, bocciata d’autorità dallo stesso Plenković.


La maggioranza c’è

Pertanto, come rilevato, i nomi dei quattro nuovi ministri che dovranno subentrare ai tre esclusi in quota Most, verranno resi noti dopo le amministrative. Questo, perlomeno, è quanto ha assicurato ieri il primo ministro Andrej Plenković, il quale continua a ribadire che la maggioranza di governo c’è e che subito dopo il primo turno delle elezioni amministrative prenderanno il via le consultazioni per individuare i nuovi componenti del suo Esecutivo. “Nell’ambito del rimpasto inizieremo a coprire i posti ministeriali vacanti dopo avere discusso dell’argomento con i nostri futuri partner, con i quali intendiamo confermare la maggioranza in Parlamento”, ha dichiarato il premier, sottolineando che attualmente si sta lavorando in questa direzione e che il numero dei ministeri non verrà ridotto.
Parlando delle trattative, ha voluto mandare un messaggio ai parlamentari dicendo che quando al Sabor verranno presentati i nuovi ministri avranno due semplici opzioni: o contribuire a garantire la stabilità del Paese e partecipare al lavoro dell’Esecutivo, oppure portare il popolo alle urne.


Rating elevato

“Sono assolutamente tranquillo. Come leader di un partito che vincerà le elezioni locali, che ha vinto quelle parlamentari, che ha il più alto rating tra l’opinione pubblica e che di nuovo sarà vincitore relativo alle prossime elezioni parlamentari, posso dire che per me non cambia niente se si va al voto o meno. Posso però essere opportunista e dire qualcosa di simile a ciò che ha detto Davor (Stier, ministro degli Esteri e Affari Europei, nda.): inseriamo nel secondo turno delle elezioni amministrative le elezioni parlamentari e così otterremo un paio di mandati in più. Questa può essere una logica di tipo opportunistico, ma la mia logica è molto più ampia. Sono il presidente dell’Esecutivo, la persona responsabile per il funzionamento dello Stato”, ha precisato.


HDZ, partito plurale

Dopo le dichiarazioni dell’altro ieri del ministro Stier (“secondo me la scelta più corretta sarebbe quella di tornare a votare, nda.) sono molti i commentatori politici che hanno immediatamente parlato di strappo interno nell’HDZ, perché il ministro degli Esteri è quello che insieme a Plenković ha designato il partito dopo l’uscita di scena di Tomislav Karamarko. Quindi la dichiarazione fatta dal premier, che indirettamente ha dato dell’opportunista al suo collega, potrebbe buttare ulteriore benzina sul fuoco e suffragare l’impressione che sia in atto uno strappo nel principale partito del centrodestra croato. Ma Plenković certamente non è uno sprovveduto e ha corretto subito le sue parole dicendo che l’HDZ è un partito democratico e che opinioni diverse sono più che benvenute, ribadendo che l’unica ragione che ha portato alla rottura con il Ponte delle liste indipendenti è stata la sfiducia nei confronti del ministro delle Finanze Zdravko Marić.


Lavorare per il bene pubblico

“Quella di schierarsi con il Most è stata una mia scelta, condivisa dalla Presidenza del partito. Se poi qualcuno si dice dispiaciuto della rottura, questo rappresenta un parere personale. Fare politica vuole dire lavorare per il bene pubblico ed essere responsabile nel prendere le decisioni. La responsabilità per aver lasciato il governo ricade in primo luogo sul Most e su questo punto non ci sono dilemmi. Questo passaggio dev’essere assolutamente chiaro all’opinione pubblica. Se non avessi agito in quel modo non sarei stato certamente un buon premier, perché avrei voltato le spalle al ministro delle Finanze proprio nel periodo in cui il Paese sta consolidando le proprie finanze”, ha commentato Plenković.


Mano tesa all’SDP

Il primo ministro si è poi soffermato sulla possibilità di dare vita a una grande coalizione con i socialdemocratici dicendo che a suo avviso questa difficilmente si realizzerà perché l’SDP non è pronto per quest’opzione.


Non sono pronti alla collaborazione

“L’SDP è un partito dell’arco parlamentare, ha senso di responsabilità, ha i propri obiettivi e le proprie motivazioni. Per quanto mi riguarda posso dialogare con i socialdemocratici, non ho nessun problema. Esistono anche altri partiti ed è ovvio che guardiamo con maggiore attenzione a coloro che sono ideologicamente e programmaticamente più vicini a noi e in questa direzione incanaleremo i dialoghi. Posso avviare un dialogo con il collega Bernardić, ma credo che la loro posizione sia abbastanza definita e solida. Non mi sembra che siano pronti a qualche tipo di collaborazione”, ha concluso.


Si guarda all’HSS

Chiaramente l’HDZ guarda soprattutto all’HSS come a un potenziale alleato, trattandosi di un partito affine da un punto di vista ideologico. Ma le profferte dell’Accadizeta per il momento cadono nel vuoto. Corre voce che la dirigenza del Partito contadino sia decisa a confermare l’alleanza strategica con i socialdemocratici a livello nazionale. Sul piano locale, invece, si va alle amministrative in ordine sparso. In ogni caso, colpi di scena non si possono escludere a priori nemmeno sul fronte statale.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 134 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Progetto abbonamenti gratuiti

Gentili lettori,
abbiamo il piacere di informarVi che, su iniziativa della Direzione dell’EDIT, è decollato il progetto degli abbonamenti gratuiti al digitale del quotidiano La Voce del Popolo (della durata di un anno) destinati agli esuli e loro discendenti e più in generale a persone che vivono all’estero (non in Croazia e Slovenia) interessate a seguirci su Internet.

I primi hanno già ricevuto l'email con tanto di codice per accedere all'abbonamento gratuito.

Il progetto continua e chi fosse interessato a ottenerlo e ancora non ci avesse trasmesso i propri dati può farlo inviandoci un messaggio contenente gli stessi all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
29 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

ISOLA | La conferenza stampa tenuta ieri a Palazzo Manzioli da Maurizio Tremul, presidente della Giunta esecutiva dell’Unione Italiana, ha avuto un indirizzo chiarificatore riguardante i...
More inPolitica  

Fiume

Se durante le elezioni amministrative tornano puntuali le promesse in merito alla realizzazione della nuova stazione degli autobus, è altrettanto vero che c’è un luogo che da diversi anni ormai...
More inCronaca fiumana  

Istria

ROVIGNO | Pubblico numerosissimo all’estivo della Comunità degli Italiani “Pino Budicin” di Rovigno per il tradizionale spettacolo “Voci di primavera”, che da decenni apre la stagione degli...
More inCronaca istriana  

Pola

DIGNANO | Come annunciato, l’apertura del FlyinFest, il Festival internazionale degli aquiloni, al via ieri mattina sulla spiaggia Martulina di Peroi, è stato un vero e proprio spettacolo. L’evento,...
More inCronaca polese  

Capodistria

ISOLA | I consiglieri comunali isolani hanno completato giovedì sera la 19.esima sessione ordinaria, iniziata due settimane addietro. Fu aggiornata dopo le accese polemiche sull’assestamento del bilancio...
More inCapodistriano  

FVG

Thumbnail Valzer di direttori per il gruppo L’Espresso, che include, in FVG, anche i quotidiani Messaggero Veneto e Il Piccolo. Proprio per quest’ultimo è stato sancito un cambio di direzione. Dal 20 aprile il...

Cultura

FIUME | Inizia martedì prossimo, 27 giugno, la prima edizione del Festival “Tobogan” (Lo scivolo), dedicato a bambini e alunni delle scuole elementari. Il Festival fa parte della Casa in mattoni...

Sport

KRANJSKA GORA | In attesa di seguire il calcio giocato l’attenzione dei media e dei tifosi si concentra sul calciomercato, su quell’infinità di notizie mezze vere e mezze false che rimbalzano da un...
More inSport  

Esuli e rimasti

Thumbnail È stato presentato a Trieste, presso l’Associazione delle Comunità Istriane, il romanzo “Farfalle di Zara”, scritto da Domenico Del Monaco, Ibiskos editore. Chi è l’autore? Medico padovano,...
More inEsuli e rimasti  

Arcobaleno

Arcobaleno, febbraio 2017
15 Gennaio 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, febbraio 2017
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 202
16 Gennaio 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAProcedendo in una ricerca interiore UOMINI E SEGNIDedicato a Erna Toncinichdi Daina Glavočić SAGGIL’interferenza del croato nell’apprendimento...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi in edicola il nuovo numero di "Panorama"Panorama, n.11, 15 giugno 2017  
More inUltimo numero