Pola

In un’anfora di epoca romana rinvenuti i resti funebri di un neonato

Archeologia scesa a livelli da... Indiana Jones. A parte il fatto di svolgere indagini in zona storica di prim’ordine, trasferirsi in continuazione da un sito all’altro – dal Piccolo teatro romano al grande anfiteatro alias Arena di Pola – stavolta il team di ricercatori, guidato dall’esperta in antichità Silvana Petešić è davvero sceso in “basso”, lanciandosi in una strana avventura da sottosuolo. Ci si è letteralmente intrufolati nei grandi canali murati del sistema di scolo, che serviva a smaltire le acque piovane dall’Arena dei tempi dei giochi gladiatori, passando sotto il livello del corridoio, che conduce ai vani sotterranei del monumento. Pur sfidando possibili reazioni claustrofobiche, si è dovuto procedere a carponi nel buio del cunicolo, che si dirama in direzione del mare, per uscire all’aria aperta, trovando sbocco ai giardini Valeria. Alla faccia delle sonde e delle moderne tecnologie di ricerca, arrangiarsi come agli albori della scienza archeologica funziona ancora e, a scanso di guai e imprevisti, potrebbe anche risultare appassionante. Quasi un gioco straordinario, privilegio di pochi, che porta all’arricchimento delle conoscenze relative all’ingegneria edile degli antichi romani.


Le prime indagini 10 anni fa

Ma procediamo per ordine. Com’è che si è arrivati al punto da imitare il mestiere sudicio dei minatori? A voler spiegare la faccenda con esattezza, va ricordato che le prime indagini archeologiche davanti all’anfiteatro, ovvero di fronte alle strutture murarie occidentali, risalgono addirittura agli anni 2007-2008. Da allora, si è scavato fino a due metri sotto il livello stradale, per imbattersi nel tempo in un minuscolo, ma splendido pezzo di tracciato di via Flavia, la strada romana maestra, che collegava la Colonia Julia Polentia a quelle di Parentium, Tergeste ed Aquileia. “All’inizio - così ricapitolando Silvana Petešić - non era chiaro se questi enormi blocchi di pietra bianchissima avessero avuto la funzione di accesso alla struttura monumentale, poi, aprendo ulteriori quadranti si è davvero concluso che, il tracciato non segue la configurazione dell’anfiteatro e che si tratta proprio di un’infrastruttura a parte: la grande strada costruita all’epoca della dinastia Flavia e dell’imperatore Vespasiano (tra gli anni 69-79 d.C), che con ogni probabilità partiva dall’antica porta trigemina di San Giovanni (dall’area della Biblioteca civica) e che quindi passava davanti al monumento”.


Opere risalenti a duemila anni fa

Gli scavi, dettati soprattutto dalla necessità di scoprire informazioni sulla famosa strada, hanno interessato tutto il terreno antistante l’Arena, più o meno dal torrione di Gabriele Emo (che reca lo stemma di ringraziamento al senatore veneziano che salvò l’anfiteatro dalla demolizione), a quello sud orientale, che costituisce l’ingresso principale. Un tanto, anche per capire di più la storia edilizia dell’Arena e per scoprire l’inaspettato: strutture architettoniche ancora più antiche. Attraversando a carponi la rete di canali sotto la superficie a forma di elisse dell’Arena, si è fatto in modo di fotografare e filmare opere risalenti a duemila anni fa. Facile finché ci sono da studiare tratti di canale come quello visibile ai piedi delle mura, che collega esternamente il torrione sud-occidentale a quello nord-occidentale, ma quando si parla di scolo principale sotterraneo, che scende in direzione della Riva è altro che un’impresa: avranno attraversato oltre 60 metri di cunicolo prima tappezzato di lastre e poi con copertura ad arco, prima di rispuntare ai giardini Valeria. “Giunti a questo punto – rileva la Petešić – è necessario analizzare tutto quanto setacciato per ottenere la visione d’insieme. Risulta, intanto, più chiara la faccenda della struttura muraria rinvenuta anni or sono: si tratta dei resti di una villa imponente, lunga oltre 40 metri, probabilmente d’epoca augustea, degli ultimi decenni del I sec.a C., che venne abbattuta in occasione dei lavori di costruzione dell’anfiteatro e del suo canale di scolo. Di questa struttura restano ancora superstiti superfici di pavimentazione fatta in ceramiche esagonali – opus scutulatum – e uno strato di affreschi”. Si apprende che a parte i “soliti” frammenti di ceramica, le monetine romane in fase di pulitura tra cui quelle con l’immagine dell’imperatore Claudio c’è anche dell’altro. “A quattro metri di distanza dall’Arena – racconta l’esperta – ci si è imbattuti in un anfora di epoca romana con i resti funebri di un neonato. Assolutamente nulla di strano. Gli antichi seppellivano i propri morti ai bordi delle strade, oppure vicino agli ingressi delle aree urbane e degli abitati. Più erano ricchi, più monumentale e rappresentativo era il sepolcro. In detto caso l’umile l’anfora con il suo contenuto, conferma non solo lo status sociale, ma anche l’usanza di evitare le urne cinerarie in determinati casi, ossia di seppellire senza cremazione i lattanti fino alla dentizione”.


Antichità a scapito dei parcheggi

La ricerca condotta davanti all’Arena, anche con il supporto delle archeologhe Aska Šopar e Aneta Vežnaver, rientra pure nel progetto di recupero e nobilitazione del circondario monumentale. Spiega in detto caso Darko Komšo, direttore del Museo archeologico istriano, che in collaborazione con la Città e in accordo con la Sovrintendenza al patrimonio storico-monumentale si cercherà di lasciare allo scoperto buona parte di quanto rinvenuto. In piano di esecuzione ricerche geomagnetiche della zona tra l’Arena e il piazzale Carolina. Previste inoltre quattro o cinque sonde, che serviranno per scoprire il tracciato di via Flavia, anche nella sua lunghezza e larghezza, e vedere se siano necessari ulteriori scavi archeologici di più vasta portata. Tutta a scapito dei parcheggi, l’idea e quella di ridurre l’odierna superficie stradale dando la precedenza alle antichità.. Per la presentazione del patrimonio romano ereditato e la riorganizzazione dell’accesso all’Arena (anche per i diversamente abili), bisognerà attendere l’anno prossimo.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 50 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
19 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

ABBAZIA | Regolamento generale sulla protezione dei dari personali (GDPR), situazione finanziaria, preparativi per le prossime elezioni... Questi gli argomenti principali di cui si è discusso a...
More inPolitica  

Fiume

ABBAZIA | È allarme punteruolo rosso per le palme di Abbazia. Da qualche anno ormai il vorace coleottero originario dell’Asia sudorientale sta distruggendo una delle piante più caratteristiche della Perla...
More inCronaca fiumana  

Istria

ROVIGNO | Saranno quasi duemila i partecipanti alla 14ª edizione della “Popolana”, la più grande manifestazione sportivo-ricreativa nella città, fiore all’occhiello del turismo In Croazia. Il...
More inCronaca istriana  

Pola

DIGNANO | Giornata mondiale del libro tutta particolare a Dignano: il piacere della lettura e il libro inteso quale strumento di diffusione del sapere sono stati celebrati con l’inaugurazione della...
More inCronaca polese  

Capodistria

Nel corso della IV riunione del Consiglio di programma (CdA) della Radiotelevisione nazionale, tenutasi a Lubiana, è stata avviata la prima discussione sulla Strategia di sviluppo della RTV di...
More inCapodistriano  

FVG

È scomparso Luciano Lago, già professore di Geografia generale, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste e Presidente dell’Università Popolare di Trieste dal 2004 al 2009. Ha...

Cultura

PORTO ALBONA | Soltanto la bellezza dell’anima può sopraffare quella della natura. È la morale della storia raccontata da Melita Adany nel suo libro “Il primo volo – Prvi let”, un volume bilingue,...

Sport

PARENZO | Umago pigliatutto ai Giochi delle elementari. I ragazzi e ragazze della SEI Galileo Galilei fanno bottino pieno, conquistando a Parenzo il primo posto sia nel calcetto femminile che nel...
More inSport  

Arcobaleno

Arcobaleno, aprile 2018
12 Aprile 2018
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, aprile 2018
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi nelle edicole (vedere lista delle edicole in Croazia e Italia) il nuovo numero di "Panorama" e sullo sfogliatore www.editdigital.hr Panorama, n.07, 15 aprile...
More inUltimo numero