Esuli

Giorno del ricordo in ordine sparso

Dopo aver scandagliato programmi e manifesti di un altro Giorno del Ricordo, per certi versi, solitario, arriva puntuale il desiderio di ragionare su questioni fondamentali e azzardare alcune riflessioni per argomentare questa affermazione.

Ognuno chiuso nel proprio feudo, un racconto in proprio a casa propria, senza un indirizzo di massima che lasci il segno, che costruisca anno dopo anno nuove consapevolezze. Siamo alla nostalgia di quell’attesa, nei primi anni, di una giornata a Roma, scandita dai discorsi di personaggi come Lucio Toth, di quelli del Presidente Giorgio Napolitano di una rivisitazione profonda, in grado di scardinare le coscienze, in grado di riportare la barra al centro per nuovi viaggi, per nuove speranze. La curva del tempo, macina le emozioni: c’è un momento per iniziare, si tocca il punto massimo e poi arriva la stanca, come dopo la tempesta, mare piatto e tempo per ripensare il viaggio.
Ma non tutto è perduto, ci convinciamo, finalmente il 10 febbraio ha fatto strada, il Giorno del Ricordo coinvolge tantissima gente di buona volontà che si spende, ci mette del suo, s’impegna per portare “il verbo”, la conoscenza nelle scuole, nei consigli comunali, nei teatri, nelle piazze, tanto da rendere impresa ardua disegnare una geografia degli eventi senza rischiare di far torto agli esclusi. Sono piccoli colpi di vento che si rincorrono senza mai incontrarsi. Non certo per colpa di chi lavora, ci mancherebbe altro. Manca un indirizzo di fondo, riconoscibile e forte, che trasformi il Giorno del Ricordo in un’occasione unica, un progetto grande che tutti possano riconoscere e sul quale tutti possano decidere di spendersi. Un’occasione d’incontro che convogli le migliori teste pensanti a confrontarsi pubblicamente sulle strategie da adottare, su come costruire nuove basi di un associazionismo che non conosce il proprio futuro ma nemmeno tenta di immaginarlo, di disegnare mondi possibili, nuovi riscatti, coinvolgimenti.
Forse è nel Dna di questo popolo sparso, accontentarsi di poche cose giuste e sacrosante, la propria dignità, il decoro, le grandi voci del passato, senza dare fastidio, senza disturbare i potenti, comprimendo la rabbia, contenendo i diritti per essere dei bravi cittadini, dimenticati. Chi urla non lo fa con cognizione di causa, esprime solo il proprio malessere, chi critica probabilmente non conosce la verità, chi dovrebbe parlare tace. Chi comanda lo fa per tenere insieme un essere morente che non riesce ad agguantare, testa, braccia, gambe, tronco, tutto si disintegra.
Nonostante la diffusa consapevolezza di questa situazione lapalissiana, sotto agli occhi di tutti, si continua a far finta che la realtà sia un’altra, che ci sia coesione, che ci sia un progetto. La coesione è tra pochi, e forse neanche tra quelli, che rivestono ruoli importanti, ma lo scollamento tra vertice e una cosiddetta “base” è totale, laddove la base ancora esiste o si considera tale. C’è una forza centripeta che sta scardinando ogni legame.
Se ne parlerà in questo 10 Febbraio? Non è solo un Giorno per raccontare la storia delle foibe e dell’esodo, è una giornata in cui chiedersi dove si vuole andare, se si vuole tenere fede ai padri, di portare nel mondo la voce di un popolo sparso che di cose da dire ne ha tante, che ha contribuito a cambiare il Paese quando ce n’era bisogno, che nei luoghi dove è andato a vivere esule ha portato un esempio di diversa civiltà che si è scoperta ricca e piena di insegnamenti positivi. Questo lo riconoscono tutti in questo Giorno: si ricorda l’arrivo dei profughi sistemati nelle caserme, che hanno abbandonato appena possibile, impegnandosi col proprio lavoro a ricostruire nuove vite, nuove situazioni, hanno fatto studiare i figli, si sono integrati nelle località dove hanno trasferito la propria esistenza. Oggi le nuove generazioni ricoprono ruoli importanti, in tutti i settori della vita pubblica. Ma hanno perso la consapevolezza di un’appartenenza e nessuna occasione viene creata per cambiare questa situazione.
Chi dirige le associazioni si scontra ogni giorno con tanti problemi e forse non è loro compito immaginare questo nuovo mondo né le modalità per crearlo. Ci vogliono teste pensanti svincolate dalle pressioni quotidiane, ricercatori, storici, filosofi, sociologi e psicologi, in grado di elevarsi dalla mera conservazione e in grado di indicare una strada, che non sarà né semplice né immediata ma forse merita tentare di percorrerla.
L’estinzione di un popolo è legata ad un’invasione, ad un’epidemia, alla rinuncia a riprodurre se stesso o all’abbandono della speranza.
Il Giorno del Ricordo è nato per ridare speranza a queste genti, perché il ricordo dei morti consoli i vivi e li aiuti a crescere.
Da solo non ce la può fare, ecco perché indicare delle direttrici è un momento difficile ma necessario, affidato a chi è in grado di svolgere un simile compito con l’aiuto della società civile. E’ inutile la pietas di chi ricorda l’esodo e le foibe se le cose non cambiano. E’ inutile la testimonianza se non ha un seguito nel tempo. E’ pericolosa la storia di un popolo affidata a chi questa storia non la conosce e s’improvvisa relatore, autore, maestro o giornalista e racconta ai giovani e non, una vicenda contorta e piena di lacune, di luoghi comuni, di inesattezze. Fanno maggiore danno dei negazionisti che sono facilmente riconoscibili perché palesano il proprio dissenso. Ma la conoscenza limitata, infarcita di concetti captati sommariamente o di spiegazioni parziali, avvelena l’approccio alla tematica.
“Perché i altri sapia chi che erimo” diceva Toth “dovemo contarghe le cose giuste”.
Spesso non è così, il pressapochismo è alle porte. Il Giorno del Ricordo è troppo prezioso per accettare qualsivoglia sbavatura, è un giorno per pensare, rimembrare, costruire, per rendere finalmente giustizia alle vittime innocenti di quell’Italia al confine orientale che ha il dovere di fare i conti con la propria storia, per superare gli anni del silenzio, nel giusto modo, con il massimo rispetto.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 172 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
5 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

ZAGABRIA | Le dimissioni dell’amministratore straordinario dell’Agrokor Ante Ramljak hanno aperto un nuovo scenario difficilmente prevedibile un anno fa al momento dell’entrata in vigore della Lex...
More inPolitica  

Fiume

La municipalizzata Čistoća, che si occupa della raccolta dei rifiuti a Fiume e dintorni (Viškovo, Klana, Castua, Jelenje, Kostrena, Kraljevica, Čavle e Buccari), applica in modo inappropriato le...
More inCronaca fiumana  

Istria

foto: Dusko Marusic/PIXSELL In seguito all’allarme meteo lanciato dall’Istituto idrometeorologico statale, le previsioni di freddo e le possibilità di nevicate e forti precipitazioni anche nelle...
More inCronaca istriana  

Pola

foto: Dusko Marusic/PIXSELL Sembrano immagini di film della paura tanto sono cupe, mistiche e malinconiche, eppure sono soltanto relitti di imbarcazioni da pesca tirati a secco dai fondali tra...
More inCronaca polese  

Capodistria

A Bertocchi si è tenuta la rappresentazione teatrale “Innamorati - Opera Rock”, portata in scena dalla compagnia teatrale “Ana-Thema Teatro” di Udine per la regia di Luca Ferri. La sala della Casa...
More inCapodistriano  

FVG

È scomparso Luciano Lago, già professore di Geografia generale, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste e Presidente dell’Università Popolare di Trieste dal 2004 al 2009. Ha...

Cultura

FIUME | Dopo le annunciate dimissioni dell’attuale direttrice Rosanna Bubola, passano a Leonora Surian le redini del Dramma Italiano. L’attrice della compagnia di prosa in lingua italiana del TNC...

Sport

FIUME | Dalla partita a Osijek, persa per 2-1, l’allenatore del Rijeka, Matjaž Kek, ha potuto trarre poche conclusioni sull’efficacia dell’assetto tattico visto che per quasi tutta la gara si è...
More inSport  

Esuli e rimasti

È stata avvertita ovunque, come scossa tellurica di assestamento, la tensione che ha accompagnato il Giorno del ricordo, sul quale hanno pesato e pesano la campagna elettorale e certa ignoranza che...
More inEsuli e rimasti  

Arcobaleno

Arcobaleno, febbraio 2018
13 Febbraio 2018
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, febbraio 2018
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi nelle edicole (vedere lista) il nuovo numero di "Panorama" e sullo sfogliatore www.editdigital.hr Panorama, n.03, 15 febbraio...
More inUltimo numero