Esuli

Le storie vere di Amelia Resaz testimone del nostro tempo

di Rosanna Turcinovich Giuricin
Quanto è lontana Bari da Fiume? Molto, poco, lo sforzo di un ricordo. Amelia Resaz lo sa e regala a questo spazio che divide ed unisce allo stesso tempo, un libro curioso intitolato “Cóntime. Una storia vera”. Il suo è un “romanzo” di racconti sparsi, ognuno con una trama completa e compiuta ma tutti legati da un “topos” che li unisce in un unico filone: Fiume e i ricordi che riportano alla città, in un ideale abbraccio. Così, come nella tradizione delle famiglie, riuniti attorno ad un tavolo, gli adulti narravano a figli e nipoti, episodi salienti della loro vita, per dare un senso alla propria storia sia personale che collettiva, per passare idealmente il testimone alle giovani generazioni, a quel prossimo nel quale si continua a vivere, finché memoria resiste, così la Resaz scrive un ventaglio di ricordi. Amelia “riannoda, con una scrittura semplice e accattivante, frammenti della vita di una ragazzina che diviene donna, che ricorda i luoghi della propria infanzia e lo fa talvolta con amore, talaltra con gioia, a volte con un tocco fiabesco. E ci mostra quelle terre italiane con gli occhi di tanti anni fa”, così scrive in una breve presentazione del libro. A volte emerge la precisione dello storico, a volte il taglio giornalistico, a volte il tocco poetico.

Nata a Fiume nel 1926, la Resaz arriva profuga a Bari nel 1948 dove trova lavoro e si sposa. Alle spalle aveva una collaborazione con La Voce del Popolo a fianco di personaggi come Lucifero Martini, ma per lungo tempo la scrittura rimarrà un impegno secondario, defilato: rimasta vedova con tre figli adolescenti si prodigherà per la famiglia, così solo dopo il pensionamento e con il pensiero rivolto a figli e nipoti “che deve saper”, ritroverà lo slancio per partecipare ai raduni dei Fiumani e scrivere per il giornale dell’associazione “La Voce di Fiume” di cui è assidua collaboratrice. Allaccia dei contatti anche con “El Fiuman”, il foglio che esce in Australia, sempre a cura degli esuli da Fiume.
La sua partecipazione al primo incontro Sempre Fiumani nel 2013 è raccontata nel libro che così si mescola alla storia con uno sguardo sempre attento al futuro.
La sua infatti è una vera e propria testimonianza, genere rivalutato dalla storiografia stessa, che riconosce nell’esperienza diretta un nuovo approccio all’analisi del passato, anche se spesso fa volare la fantasia, non inventando nulla di ciò che vede ma giocando sull’approccio, spesso onirico.
L’autrice immagina di camminare per le strade di Fiume e di sentire delle voci: sono le case, i monumenti, l’acqua del fiume o il mare a dialogare con lei. Un colloquio metafisico che in alcuni momenti ricorda “i fantasmi” dei libri di Enrico Morovich, grande scrittore fiumano andato esule a Genova.
La Resaz però di regola usa il dialetto, facendo sfoggio di lemmi magari desueti e dimenticati ma pieni di quel sapore antico che trasformano il racconto in testimonianza e documento, certamente un riferimento preciso per chi ha voglia di rituffarsi nel dolce suono della parlata originale. In quarta di copertina, a complimentarsi con la Resaz, per la sua idea di raccogliere i suoi scritti in volume, è un altro grande fiumano, Abdon Pamich che plaude all’iniziativa di “scrivere i suoi ricordi in dialetto fiumano, che costituiscono una testimonianza di una parlata che va scomparendo”.
Ma lei è anche pragmatica, come le donne sanno essere, e quindi affianca alle pagine in dialetto fiumano, le traduzioni in lingua italiana per un giusto e saggio confronto, trasformando il libro anche in uno strumento di studio. Da gustare, come un piatto di jota o una bella fetta di oresgnazza o da riscoprire nella preparazione delle “landize”, con i ricordi ritornano anche i profumi. Vi proponiamo due suoi scritti:


Footbal…e mi portavo la bala
ma andar a Cantrida costava

Son molto picia. Tuta cuciada sul marciapiede guardo i muli che gioga in strada. I core, i se sburta, i urla: “Enz, enz” o “Corner” e i dà piade a una bala sgangherada. A mi i me dixe: “Va a casa, che qua ti intrighi, va a giogar con la pupa”. Xe tuto sasi e polvere e de verde xe solo l’arto là vicin, e se i và là dentro per riprenderse la bala, non te digo i urli del contadin: “Malignasi muli, me rovinè tuta la matoviliza!”. Vado a casa piagnucolando e penso che i tornerà tuti impolveradi e ragnadi e la mama svoderà meza botiglia de tintura de iodio su de lori.
Pasa el tempo…adeso go oto ani e mio fradel sedici. Prima de andar a scola, a l’Istituto Nautico, el vol far una ora de alenamento de footbal a la Casa Balilla, anche là xe solo brecciolina, ma xe giusto in mezo tra casa mia e la scola.
Adeso el vol che vado con lui perché ghe ocore un (e in quel caso sario mi) che ghe porti la bala a casa. Così lui se risparmia la dopia strada ma mi me devo alzar a le sei, bever una scudela de late e cafè, corer dietro de lui fino al campeto, spetar che finisi l’alenamento, riportar indrio la bala e dopo corer anche mi a scola, in via De Amicis, e fortuna che xe in discesa. Ma visto che quando aspeto che i finisi de giogar non devo far niente, i me ga da l’incarico de tenirghe i orologi atacandomeli sul brazo, uno drio l’altro. Ero come un albero de Natal. Basta che poso vado con lui a veder tute le partide, footbal e palacanestro. Una volta el me dixe: “Ogi non ti vien” e mi ghe pianto una grana, tanto che la mama, un poco perplessa de quela presa de posizion, ghe fa: “Ma dai, portila!”
Apena fori, furioso, el me dixe che devo corer. El problema era che la partida non era al campo Balilla ma alo stadio de Cantrida e lui non gaveva i soldi per due biglieti per el tram, e non el voleva domandarli a la mama. Per questo el me ga fato corer fino al Giardin Publico, così pagavimo due mezi biglieti. E cusì go anche imparà che se el dixeva no, era no. Xe pasà altro tempo e me xe capità de eser presente quando la Fiumana ga giogado contro el Genova a Cantrida. Ghe era tanta gente che un ago non sarìa cascà per tera. Quatro gol ghe gavemo rifilado. Che esplosion de alegria!
L’altro giorno mia nipote me fa una oservazion. La dixe: “Ti xe sta in pie fino a mezanote per veder la partida tra el Real Madrid e l’Atletico e ti dixi che non ti guarderà le partide de l’Italia”.
Ghe go deto che gavevo visto l’amichevole che i ga fato prima de andar in Brasil e che secondo mi la squadra era debole e che la sarìa tornada presto a casa. Ve asicuro che non vojo far l’uccello del malaugurio ma resta el fato che se uno ga visto giogar tante partide ne la sua vita, un poco de giudizio ghe resta. Tuto questo senza meter de mezo arbitri e alenatori. Se vedemo a la prossima partida de la Fiumana?


Storia de un povero avier
ritrovado e quasi perso

Ero a Bari da quasi quatro mesi quando finalmente mio papà e la mama ga avuto el permeso de lasar la casa, la cità, i parenti per non vederli mai più. Li sosteneva solo la consolazion de riunirse con i fioi in Italia. Chi xe andà in Italia prima del famoso 3 magio 1945 non ga idea de quel che se pasava. Con questo non vojo far paragoni, ognidun de noi ga avudo el suo calvario, chi in un modo, chi in un altro.
Ognidun doveva cavarsela da solo, in primis cosa se podeva portar con sé e cosa no. Le legi cambiava ogni giorno e ogni tanto bisognava eliminar qualcosa: no roba de produzion industrial, (se ricorderè che la Jugoslavia era una nazion che a la fine de la guera era completamente distruta), no strumenti musicali, naturalmente no soldi e preziosi, cava questo, cava quel a la fine se podeva portar con se solo la biancheria e el legno dei mobili. Dopo che ti gavevi meso insieme ste cose i te faceva la verifica, se per caso ti gavevi conto qualcosa de poibido.
Di novo apri e ciudi. E dopo ti dovevi procurarse el vagon de la ferovia a tue spese. Ma in tuto questo marasma ghe era un, come dirìo, intervallo o limbo, un periodo de qualche giorno in cui ti se trovavi in una casa svoda, un deserto che te sbregava el cor.
Alora el fradel più vecio de la mama ghe ga oferto de star a casa sua fin che non i se asicurava che el vagon partiva. La cognata era una dona ecezional, bona più del pan, gentil, de poche parole ma molti fatti. Veramente la ga fato de tuto per aleviarghe quei giorni amari. Quando finalmente xe rivado el giorno del la partenza, mia mama voleva far quacosa per sdebitarse ma la zia Fani non voleva niente, epur la se gaveva sacrificado tanto. In ultimo la ghe ga deto: “Sì, una cosa te la demanderò: no xe question de soldi o de regali. Ascolta, mia sorela gaveva un fio, che xe andà in guera, in aviazion. Questo mio nipote xe sepelido a Gioia del Colle. Né mi, né sua mama non poderemo mai andar a veder la sua tomba. Va ti per noi, per un fior e una preghiera e mi non te domanderò altro”. Mia mama ga promeso.
Arivadi a Bari, a la fine riunidi, gavemo meso un poco de tempo per orientarse in una vita del tuto diversa, in mezo a gente che non capiva e che noi non capivimo. Un giorno la mama dixe: “Andemo a Gioia”. La se gaveva informà sui orari de le coriere. Gioia del Colle xe una citadina a metà strada tra Bari e Taranto e la xe conosuda per la produzion de le migliori mozzarelle de la zona e per el suo campo de aviazion, un aeroporto militar. Arivadi là, cerchemo al cimitero e ghe domandemo al custode se ne pol mostrar dove xe sepelidi i militari morti in guera. Subito el ne acompagna rasente el muro de cinta e el ne mostra tre tombe. Due uficiali aviatori e un avier semplice. El se ricordava de lori e el ne ga contà che el giorno de l’8 setembre 1943, quando la radio ga dado la comunciazion de la fine de la guera contro i aleati americani e inglesi (e l’inizio de quela tra italiani e tedeschi) questi tre aviatori ga deciso de rientrar a la lor base in Veneto, no i gaveva avuto gnanche el tempo de alzarse in volo che i li gaveva mitraglià e i ieri morti tuti. Per lori veramente la guera era finida.
Gavemo meso un lumin e dopo qualche preghiera, in silenzio, semo rientrade a casa. Isoladi come erimo, lontani dai parenti, per el giorno dei defunti mia mama gaveva preso l’abitudine de andar a portar un fior e un lumin a altri e ancora più abandonadi de noi e la gaveva pensado de andar a le porte de Casamassima dove era el cimitero de guera dei militari polacchi, un’Armata de volontari che ga combatudo duramente e che ga avudo altisime perdite. Questo cimitero, afidado al Comun, se apriva solo per i Santi e el paroco andava a dar una benedizion. L’unica persona importante che me risulta che sia andado a vistar quel poveretti xe stato el papa Giovanni Paolo II quando el xe venù in visita a Bari, forsi perché non solo i era suoi compaesani ma anche coetanei.
Dopo qualche tempo mia mama dixe de novo: “Andemo a Gioia”. Andemo drite drite verso el muro de cinta e…non trovemo niente. El custode ne informa che, sicome a Bari i ga creado un imenso Sacrario per i caduti de la prima e seconda guera mondial, tuti i caduti xe stadi trasferidi là. Tornemo a Bari e andemo a questo Sacrario, grandioso, secondo solo a quel de Redipuglia. Qua i ga portà i caduti de la Libia, de l’Africa orienatle, Grecia, Albania, Cefalonia e altre isole: xe riunidi 40.000 caduti identificadi e 36.000 non identificadi. Domandemo notizie de quei de Gioia del Colle e subito i trova i due uficiali ma del terzo noi ne sa dir niente. El uficial responsabile ne dixe che i farà le ricerche e dopo i ne farà saper.
Veramente se tratava de una persona molto scrupolosa e responsabile: el ga fato un ragionamento molto semplice. Se de Gioia xe partide tre salme bisogna per forza che sia arivade tre a Bari. El se ga meso de impegno a scartabelar tuti i documenti e a la fine el xe riusido a identificar sto povero avier. El ne ga telefonado solo dopo aver disposto per una sistemazion ne la sezione 26 e su la lastra del marmo el suo nome: Aldo Ljubicich.
L’uficial ne ga acompagnado e dopo un poco, con la scusa che el gaveva lavori urgenti, el ne ga lasa là a pregar e meditar. Povero fio, chi sa chi che ghe xe venudo in mente de alzarse in volo, xe sta el desiderio de avicinarse a casa o de ritornar al suo reparto. Come i podeva pensar de far mile chilometri senza trovarse in situazioni pericolose, forse non i era tipi de rivoltar de punto in bianco la giacheta. Chi ghe ga sbarà? Forsi era quei stesi che el giorno prima i credeva amici.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 119 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Progetto abbonamenti gratuiti

Gentili lettori,
abbiamo il piacere di informarVi che, su iniziativa della Direzione dell’EDIT, è decollato il progetto degli abbonamenti gratuiti al digitale del quotidiano La Voce del Popolo (della durata di un anno) destinati agli esuli e loro discendenti e più in generale a persone che vivono all’estero (non in Croazia e Slovenia) interessate a seguirci su Internet.

I primi hanno già ricevuto l'email con tanto di codice per accedere all'abbonamento gratuito.

Il progetto continua e chi fosse interessato a ottenerlo e ancora non ci avesse trasmesso i propri dati può farlo inviandoci un messaggio contenente gli stessi all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
11 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

FIUME | Cova il malcontento in seno all’SDP. Dopo le contestazioni subite ieri l’altro durante una riunione del Gruppo parlamentare dell’SDP, il presidente del Partito socialdemocratico, Davor...
More inPolitica  

Fiume

Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi ora è arrivata anche la conferma: Tomislav Dizdar è il nuovo questore della Regione litoraneo-montana. Per lui si tratta di un ritorno, dopo aver ricoperto il...
More inCronaca fiumana  

Istria

UMAGO | Il sistema antialluvionale realizzato dalla città di Umago assieme alle “Hrvatske vode”, l’ente pubblico che gestisce le risorse idriche delle Repubblica di Croazia, ha dato i risultati...
More inCronaca istriana  

Pola

“Servire e tutelare. Questo il mio motto personale, in quanto sono convinto che si possa fare sempre meglio e di più, che la polizia abbia bisogno di evolvere ed essere creativa nella prevenzione di...
More inCronaca polese  

Capodistria

CAPODISTRIAIn questi ultimi giorni della campagna referendaria sul secondo binario, in vista del voto di domenica, s’intensificano gli incontri proprio nel Capodistriano. In settimana ha fatto tappa in...
More inCapodistriano  

FVG

Thumbnail Valzer di direttori per il gruppo L’Espresso, che include, in FVG, anche i quotidiani Messaggero Veneto e Il Piccolo. Proprio per quest’ultimo è stato sancito un cambio di direzione. Dal 20 aprile il...

Cultura

ZAGABRIA | La Dignano romana, alias Atinianum, ieri è sbarcata a Zagabria per farsi conoscere e apprezzare dal pubblico della capitale. Il merito di una così significativa promozione per un progetto...

Sport

VRBOVEC | Massimo risultato con il minimo sforzo. Il Rijeka ha battuto per 3-1 il Vrbovec, compagine di Terza Lega della regione di Zagabria, approdando così agli ottavi di finale di Coppa Croazia....
More inSport  

Esuli e rimasti

Arcobaleno

Arcobaleno, febbraio 2017
15 Gennaio 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, febbraio 2017
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 202
16 Gennaio 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAProcedendo in una ricerca interiore UOMINI E SEGNIDedicato a Erna Toncinichdi Daina Glavočić SAGGIL’interferenza del croato nell’apprendimento...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi in edicola il nuovo numero di "Panorama"Panorama, n.17, 15 settembre 2017  
More inUltimo numero