Esuli

Quando la vita ci porta molto lontano è il cuore che ci riconduce alle origini

Caterina Edwards è una pluripremiata scrittrice italo-canadese. Questa è la definizione generica destinata ad arricchirsi dopo un fitto carteggio minimo di “pre-conoscenza” e finalmente a tu per tu davanti ad un piatto di pesce fritto e insalatina in una calda giornata estiva. Perché è proprio l’estate che la riporta a Venezia, meta delle sue vacanze assieme a Lussino… itinerari del cuore, percorsi di famiglia. La sua è una lunga storia, un romanzo che è diventato parte dei suoi romanzi. Il piatto che gustiamo insieme, nella sua breve sosta a Trieste, fa parte di questa appartenenza, sa di sapori ancestrali e di frugalità di una popolazione cresciuta in riva al mare e che con il mare condisce ogni idea, ogni volo, il gusto stesso di esplorare ed essere.

“Sono qui per raccogliere altro materiale per il mio prossimo libro”, rivela, sicura di suscitare curiosità ed attrarre attenzione.
“Ancora una volta protagonista sarà una donna, come negli altri miei romanzi”, tra i quali spicca “Finding Rosa” perché parla del rapporto con sua madre, la donna alla quale deve il richiamo alle radici isolane, di una Lussino che ha imparato a conoscere da lontano, ancor prima di conquistarla con le lunghe esplorazioni durante i viaggi di ritorno a Lussingrande, gli affetti di amici e parenti.
“I miei genitori si conobbero a Venezia durante la guerra. Succede che un ufficiale dell’esercito inglese requisisca l’alloggio della futura moglie. Io nacqui nel 1948 e quando avevo otto anni la famiglia emigrò in Canada e si stabilì in Alberta. Oggi, io e mio marito Marco Lo Verso, viviamo a Edmonton, con le nostre figlie Tatiana e Antonia”, ci rivela.

Com’era tua madre?

“Oh, non è facile da spiegare, forse può farlo Marco, com’era mia madre?”. Ed egli risponde con un ampio sorriso: “Era severa, voleva le cose fatte a modo suo, critica, non permetteva distrazioni”.

Una vera donna lussignana insomma, padrona della sua casa e del suo mondo. Non dimentichiamo che gli uomini andavano per mare e le donne dovevano gestire tutto, dai figli, agli interessi, alla casa. La determinazione è diventata un fattore genetico.

“Tutto vero. Io sono cresciuta in un mondo diverso e questo suo decisionismo lo vivevo con una continua tensione. Poi gli anni l’hanno resa distante, perché tornava spesso con la mente alla sua isola, a ritmi che appartenevano ad altri luoghi e altri tempi. La scrittura mi ha aiutata a indagare su di me, su di lei, sul nostro rapporto, sulla lontananza dai luoghi di provenienza che diventa un ostacolo nel rapporto madre-figlia. È stato un lungo percorso dal quale ho imparato moltissimo e che, per certi versi, continua. A casa se ne parla spesso, anche Marco è figlio di immigrati siciliani in California”.

Come si vive accanto a una moglie scrittrice? Lo chiediamo a Marco.

“Ah, benissimo. Ci siamo scambiati ruoli e competenze in grande armonia, Caterina lavorando mi ha permesso di studiare. Poi ho trovato il mio ruolo professionale come professore di letteratura inglese alla Concordia University College di Edmonton. A quel punto eravamo tutti e due impegnati con la scuola, lei insegnava letteratura e scrittura creativa alla MacEwan Community College e alla Athabasca University di Edmonton e per molti anni all’Università dell’Alberta, e allora abbiamo deciso che era il mio turno di lavorare lasciando a lei gli spazi per continuare a scrivere. È diventata una delle scrittrici più apprezzate in Canada, vincitrice di tanti premi, invitata a tenere conferenze in Nord America e in Europa”.

Ma Rosa come arrivò a Venezia dov’era destino che incontrasse questo soldato inglese, tuo padre?

“La nonna era rimasta vedova durante la prima guerra mondiale con tanti figli e così decise di lasciare Lussino e trasferirsi a Chioggia e poi a Venezia, sempre seguendo la possibilità di un lavoro. La mamma era piccola, ma tornava spesso a trovare i parenti, i Letich, sull’isola che per lei, come per me, era un posto magico: col mare chiaro, il sole, l’interno delle case ombroso e fresco, con i tappeti e i vasi orientali, le cineserie, così come si usava nelle case dei capitani. Mio nonno era un Pagan, della famiglia detta dei Pomoronzola: ho scoperto che le famiglie si riconoscevano dal soprannome, che aveva riferimenti ben precisi e storie particolari che li definivano. Ho provato profonda ammirazione per i miei zii che hanno navigato i mari del mondo. Ma sono dovuta diventare adulta per capire la portata di tutto ciò. È successo qualche anno fa. Mi trovavo in Francia a una cena con i proprietari della Costa Crociere. Era una tappa prima di andare a Lussino e nell’annunciarlo aggiunsi che mi stavo dirigendo verso un luogo di cui magari non avevano mai sentito parlare. Rimasi stupita della risposta: la conoscevano eccome, la mia isola. Era il luogo di provenienza di tutti i loro migliori capitani di cui conoscevano prodezze e aneddoti, a volte divertenti, ma sempre ammantati di grande rispetto e ammirazione”.

Come ti accoglievano negli anni cinquanta e sessanta a Lussino?

“Oggi so che la situazione era molto difficile, ma per una bambina che aveva delle percezioni immediate e che non si rendeva conto del contesto, era una specie di paradiso. Sentivo i miei cugini parlare il dialetto che era il mio e tutto mi sembrava familiare e naturale. All’isola ho dedicato un libro di racconti intitolato Island of Nightinghale”.

Quando hai preso coscienza della storia che ha segnato queste terre?

“Mi hanno aiutata tantissimo i miei studi di letteratura. Il mio professore aveva contatti con Trieste, conosceva il contesto e mi spinse a leggere Svevo e soprattutto Stuparich, che per me è stato una rivelazione. Ho ritrovato nei suoi libri, in particolare nell’Isola, tante similitudini e aderenze col mio pensiero, con la sensazione dell’esistenza di queste identità fluide che non avevo ritrovato prima di allora in nessun altro autore, me ne sono innamorata. E così della città di Trieste, che sublimava queste diversità fino ad affascinarmi come nessun’altra. Poi è arrivata in casa mia madre, la quale non poteva più vivere da sola e mi sono dovuta rapportare con questa donna difficile che cominciava a perdere la memoria. Andava a controllare i cassetti. Mi criticava per ogni cosa e io non capivo perché lo facesse. Mi è stato suggerito di leggere i libri di Elsa Bragato che raccontano la Lussino di un tempo e allora ho capito che il comportamento di mia madre era la normalità per l’epoca in cui era vissuta e per l’educazione che aveva avuto, ma anche per caratteri genetici di queste meravigliose donne lussignane. Non era strana, era la sua cultura che io non capivo. Non era solo rigorosa, era anche generosa, adottò una nipote che era rimasta sola, un gesto grandioso. Sono riuscita a capire la difficoltà con cui mi madre aveva cercato di superare i suoi traumi, legati probabilmente all’abbandono dei luoghi amati e delle sue genti”.

Come molte scrittrici anche tu scrivi da sempre?

“In effetti è vero. Quando ero piccola, figlia unica, arrivata in Canada dopo i primi anni trascorsi in Inghilterra dove i parenti guardavano mia madre con freddezza e ciò la rendeva triste, abbiamo vissuto in diversi paesini e io mi sentivo molto sola, per cui avevo sviluppato la capacità di raccontarmi delle storie che mi facevano felice, mi proteggevano. Diventata adulta, scrivere è stato come continuare un viaggio nel mondo, mi apre gli occhi, mi aiuta a interrogarmi sulla realtà che mi circonda, a focalizzare la mia diversità. Nel libro dedicato a Venezia ‘La bocca del leone”, ambientato un po’ nella città della laguna, un po’ a Edmonton, c’è una scena che pochi hanno capito o comunque ha lasciato interdetti i lettori: descrivo il bombardamento di Zara, con alcuni particolari dedicati alle vicende di queste terre che pochi conoscono”.

I tuoi libri hanno molto successo...

“Quando scrivo le mie storie, raccolgo le voci dei protagonisti, le testimonianze delle persone, così diventano un ritratto collettivo in cui le persone si riconoscono. Mi piace riferirmi alle esperienze direttamente, sentirle da chi le ha vissute, valorizzare questo ricco materiale umano. Così è stato quando ho visitato i Club giuliano-dalmati in Canada, in particolare quello di Toronto”.

Le tue figlie come considerano questa tua attività?

“Sono orgogliose, ma non so se ne parlino. Vivono mondi diversi. La prima volta che le portai a Lussino la sentirono strana. Chiaramente le loro radici sono ancora più complicate delle nostre, con una madre italiana e inglese, un padre siciliano è difficile costruire un unico riferimento forte. Capiscono bene l’italiano, ma la loro appartenenza è americana”.
Una decina di romanzi, saggi, una quantità infinita di articoli, Caterina Edwards ha fatto della scrittura una ragione di vita ma rimane ancora chiusa in un ambiente anglofono che solo il mondo della traduzione e dell’editoria in lingua italiana potrebbe aprire alla conoscenza di un vasto pubblico che certamente troverebbe nei suoi libri i riferimenti a temi e argomenti noti. Si sta aspettando che una porta si apra anche per noi, per poterla leggere in tanti.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 76 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

 

Progetto abbonamenti gratuiti

Gentili lettori,
abbiamo il piacere di informarVi che, su iniziativa della Direzione dell’EDIT, è decollato il progetto degli abbonamenti gratuiti al digitale del quotidiano La Voce del Popolo (della durata di un anno) destinati agli esuli e loro discendenti e più in generale a persone che vivono all’estero (non in Croazia e Slovenia) interessate a seguirci su Internet.

I primi hanno già ricevuto l'email con tanto di codice per accedere all'abbonamento gratuito.

Il progetto continua e chi fosse interessato a ottenerlo e ancora non ci avesse trasmesso i propri dati può farlo inviandoci un messaggio contenente gli stessi all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
13 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

“La riforma scolastica sta andando più celermente di quanto alcuni avrebbero voluto”. Lo ha affermato il ministro della Scienza e dell’Istruzione, Blaženka Divjak, invitando tutti a includersi nel...
More inPolitica  

Fiume

Prenderà il via domani la settima edizione del Rijeka Tattoo Expo, la convention internazionale dedicata al mondo dei tatuaggi. La manifestazione si svolgerà da oggi a domenica nel palasport di...
More inCronaca fiumana  

Istria

ALBONA | La ricostruzione di via Aldo Negri, ossia la salita che conduce alla Cittavecchia di Albona, procede secondo i piani. Lo ha confermato alla recente seduta del Consiglio cittadino di Albona...
More inCronaca istriana  

Pola

“Noi Puffi siam così, noi siamo Puffi blu, puffiamo su per giù, due mele, poco più”: manca solo sentire il tormentone di Cristina d’Avena per capire che i Giardini stanno letteralmente cambiando...
More inCronaca polese  

Capodistria

CAPODISTRIA | Palazzo Gravisi ha ospitato martedì sera il primo appuntamento della Settimana della cucina italiana nel mondo, promossa in regione dal Consolato generale d’Italia a Capodistria....
More inCapodistriano  

FVG

È scomparso Luciano Lago, già professore di Geografia generale, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste e Presidente dell’Università Popolare di Trieste dal 2004 al 2009. Ha...

Cultura

ROMA | All’indomani del seminario di aggiornamento docenti “Per la storia di un confine difficile. L’alto Adriatico nel Novecento”, svoltosi all’Università per stranieri di Siena, abbiamo...

Sport

ATENE | La partita in casa dell’AEK, nell’ambito del quinto turno di Europa League, per il Rijeka è la classica gara da dentro o fuori. Soltanto con una vittoria si rimane in gioco. Altrimenti la...
More inSport  

Arcobaleno

Arcobaleno, ottobre 2017
15 Ottobre 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, ottobre 2017
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi in edicola il nuovo numero di "Panorama"Panorama, n.21, 15 novembre 2017  
More inUltimo numero