Esuli

Quando portavimo rostir le pinze dal Kadosa

A Fiume, in Braida, nei ani prima de la guera, tra el Viale delle Camicie nere, che la mia mama e la mia zia Francesca ciamava sempre col nome ungarese del tempo de la Defonta (el Corso Deak) e la Via Parini, xe una stada per metà drita e per metà in riva (in salita) e xe la Via Alessandro Volta. In quela strada, subito dopo el canton col Viale, oltre el negozio de calze e altre robe de dona, era una grande pistoria (panetteria). I paroni era i Kadosa: lui, con adoso un traverson bianco, iera sempre indafarà tra el banco e el forno; la sua moglie sentava in cassa.

I era ebrei, ma molto praticanti no, cussì che i podeva tegnir aperta la pistoria anca de sabato. I era benestanti, bona gente che dava el pan anche a puff, (a credito) scrivendo el prezzo sul libreto della cliente che poi gaveria pagà el conto quando el marì gaveria ciapà la Setimana, se ghe restava qualche soldo. Altrimenti la gaveria dà un aconto e fato un altro puff, tanto la signora Kadosa era bona e la ghe dava sempre el toco de pan a tuti i bisognosi.
Noi in quela botega compravimo el pan pompadur, che era meio de le struze, i kifeli per la marenda e le kaiserize de magnar taiade a metà, onte col butiro e col salame del Konig, che tuti ciamava el Simiot, perché proprio un bel omo nol era. El gaveva la botega de salumeria davanti el mercato, vicin la becaria (macelleria) del Rafic’.
Sti Kadosa, poi, i xe sparidi da la sera a la matina. Quachedun dixeva che i era scampadi e qualchedun altro che i li gaveva “impachetadi”, perché che i era gente cativa, falsa, ebrei, spioni dei inglesi; ma a noi ne pareva tute floce, perché mai in tuta Braida se gaveva sentido che i se intrigava de politica. Anzi, lori era tanto rispetosi che i gaveva messo ben in vista sopra la cassa anche la fotografia del re e quela del duce, ma povereti, non ghe ga valso gnente. La cucagna, insoma, era già finida da qualche tenpo dopo che i Kadosa era sparidi.
El forno xe diventà una bacolera. Se trovava solo con le tesere struze de pan nero o gialo o cenerin e i dixeva che i ghe impastava drento quel che ghe capitava: polenta, fasoi mazinadi, farina de orzo e de bisi, ma anche segadura e cenere, perché de drio nel forno nisun vedeva quel che i combinava.

Là, ai bei tempi, la mia mama portava rostir le pinze che la fazeva in casa el Venerdì Santo, assieme a la zia Francesca. Quando era ora de far sto lavor, in casa nostra, già de matina bonora, era un gran nervosismo. Non le doveva dimenticar gnente: la farina de prima qualità, ovi, i rossi de una parte - e guai se i era poco rossi - misiadi col zucaro, e i bianchi montadi a neve; el lievito squaiado nel late tiepido, con un bich de farina, el sal, el rum, le scorze de limon gratade e cossa so mi cossa altro ancora.

Noi muli dall’altra parte del tavolo, volevimo veder tuto, ma ziti per non insempiarle, cuci e boni, e no tociar el dito nel impasto per gustar se el era bon, che la zia ne gaveria dà un papina con la man infarinada.

Poi sto impasto el doveva riposar soto una tovaia bianca e una pognava, come un picio che se mete a dormir. Intanto poco per volta el cominciava a levarse. Prima de mezzogiorno lore de novo le ghe dava una misiada, le lo gustava se el era abbastanza dolce e anche noi potevimo alora pizigar la pasta, per assagiarla e dir el nostro parer.

La mama taiava alora el impasto in quatro tochi, perché la gaveva la dose per quatro pinze. Mi dovevo scriver con la matita copiativa in quatro tochetini de carta el nostro cognome e tacarghelo sopra ogni pinza con una cola de acqua e farina. Le pinze vegniva ben sistemade sopra la tavola de impastar, a due a due.
La mama ghe fazeva el segno de la croce sopra de ogniduna, la le copriva con la tovaia e la pognava, che non le prendesi fredo, e la zia Francesca la se meteva la tavola con le pinze su la testa e, con noi tre, chi davanti e chi de drio, via con paso svelto le portavimo dal Kadosa, per rostirle come che se deve.
Là già trovavimo un saco de done e omini ognidun con le sue pinze de rostir e la confusion era grande.
Bisognava far presto, perché dopo un zerta ora le pinze non vegniva più acetade. El Kadosa, tuto sudado, con i sui lavoranti, tuti dei tochi de mati in canotiera, perché in tel forno era un gran caldo, con le traverse bianche, ma miga tanto nete, i guantava con quele manazze ste nostre pinze che la mia mama gaveva tratà con tanta delicatezza, e i le butava sopra un tavolazzo, indove le gaveria continuà a levarse.
Prima de infornarle i le gaveria onte, per farle diventar lustre, con un pinel tociado in un secio dentro el qual ghe era tanti ovi sbatudi.
Per ogni pinza bisognava pagar in anticipo e darghe de gionta ancora un ovo per ongerla, ma chissà quante pinze lui ongeva con un ovo solo!
Cussì era la tariffa de tuti i pistori, per imbroiarne a oci aperti.
Tornavimo a casa tuti impensieridi per le nostre pinze. Chissà come le saria riusside; chissà se i ne le gaveria brusà o i ne le gavessi consegnade meze crude; chissà se ghe saria cascà el bilietin col nostro nome e i ne gaveria rifilà qualche pinza più cativa de altri; e poi i contava che quei smafari de lavoranti rubava un pugno de pasta de le pinze più bone, come le nostre per farse una pinza per lori.
Parlavimo de ste benedete pinze come se le sarìa stade dele picie crature vive. Insoma, sto tormento durava fino a quando non vegniva l’ora de andarsele a cior verso sera.

Noi, tuti tre fradei, con la zia Francesca, arivavimo dal Kadosa, con borse e grandi tavaioli, per involtizzar le nostre pinze con la speranza che non ghe saria successo qualcossa de imprevisto. In te la pistoria era una gran confusion, un mucio de gente, ognidun zigava el suo cognome per gaver le sue pinze e el Kadosa, tuto sudà e roso come un peveron che zigava: “Boni, boni, gente cara, che ve fazemo contenti tuti”. Intanto i lavoranti coreva avanti e indrio a zercar le pinze dei clienti stivade in ordine alfabetico.
E là davanti el banco era tuto un babezzo e una critica su ste pinze. Chi zigava che non ghe pareva le sue, chi guardava i bilieti col nome, se era la sua caligrafia, e el Kadosa che ghe la dava de intender a tute le done che per forza le pinze pareva cambiade: i le gaveva portade crude e adeso le era rostide.

Come Dio vol finalmete portavimo ste nostre pinze a casa. Le gaveva un bon profumo e vegniva voia de magnarle subito, ma non se podeva tocarle; saria sta un pecato, dixeva la mia mama.
Anzi i giorni prima era de far el digiuno, come dixeva i preti, per far la penitenza e alora trovavimo per pranzo pasta con le sardele salade, che a mi proprio non me andava

Bisognava spetar la Santa Pasqua. Alora la mama e la zia le saria andade de matina bonora a farle benedir a la prima Messa, in Mlaca, da Don Gabre, insieme coi ovi in duro che gavevimo pitùrà el giorno prima, col luk e col persuto che la mama gaveva cusinà involtizzado in un tavaiol.

Poi finalmete vegniva el gran momento de gustar ste pinze benedete, che le era bone bone, per cominciar a festegiar la Santa Pasqua de Gesù Risorto.

El mio papà le tociava in te la Malvasia che la teta Tonza ne gaveva portà da l’Istria insieme con la formajela de capra e la rakia, che la mama tegniva come medicina e che el mio papà ghe domandava un bicerin anca quando che el stava ben.
Noi mularia, ciapavimo ognidun un sisser benedido con l’ovo piturà de rosso, ma quel se lo magnavimo poco per volta, dopo el Lunedì del Angelo, quando le pinze era ormai sparide.

Poi xe vegnuda la guera e per dieze ani noi de Fiume ste delicatezze non le gavemo più viste fin che non semo vegnudi in Italia.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 252 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Progetto abbonamenti gratuiti

Gentili lettori,
abbiamo il piacere di informarVi che, su iniziativa della Direzione dell’EDIT, è decollato il progetto degli abbonamenti gratuiti al digitale del quotidiano La Voce del Popolo (della durata di un anno) destinati agli esuli e loro discendenti e più in generale a persone che vivono all’estero (non in Croazia e Slovenia) interessate a seguirci su Internet.

I primi hanno già ricevuto l'email con tanto di codice per accedere all'abbonamento gratuito.

Il progetto continua e chi fosse interessato a ottenerlo e ancora non ci avesse trasmesso i propri dati può farlo inviandoci un messaggio contenente gli stessi all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
18 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

ZAGABRIA | I parlamentari non si smentiscono e anche in questo avvio di sessione autunnale le richieste di interruzione dei lavori in aula non mancano. Ieri a determinarle sono stati i timori...
More inPolitica  

Fiume

Dopo meno di ventiquattr’ore trascorse nella Chiesa di Nostra Signora di Lourdes, le spoglie di San Leopoldo Bogdan Mandić, hanno lasciato Fiume per fare ritorno a Padova.  foto: Željko Jerneić...
More inCronaca fiumana  

Istria

VISINADA | La “Parenzana”, l’ormai famosa maratona ciclistica ricreativa organizzata dall’Ente per il turismo di Visinada, sta per festeggiare il suo 24º compleanno. Domenica prossima, infatti,...
More inCronaca istriana  

Pola

MEDOLINO | Tolleranza zero per l’abusivismo edilizio. Questo il messaggio lanciato dal Comune di Medolino a tutti i costruttori abusivi, che nonostante i frequenti ammonimenti e denunce...
More inCronaca polese  

Capodistria

CAPODISTRIA| La fondazione della sezione della prestigiosa Università moscovita “M.V. Lomonosov” presso l’Ateneo di Capodistria è stata rafforzata dallo stanziamento di 500mila euro da parte del...
More inCapodistriano  

FVG

Thumbnail Valzer di direttori per il gruppo L’Espresso, che include, in FVG, anche i quotidiani Messaggero Veneto e Il Piccolo. Proprio per quest’ultimo è stato sancito un cambio di direzione. Dal 20 aprile il...

Cultura

ZAGABRIA | Di respiro internazionale, è uno degli eventi espositivi più attesi di questa stagione e presenta tutte le caratteristiche per essere definita come la mostra dell’anno. La location è il...

Sport

Quello che a molti sarà sfuggito così di primo acchito, ma che sicuramente solo i più anziani sapranno, è che c’è stato un famoso calciatore fiumano ad aver indossato il rossonero del Milan. È Ezio...
More inSport  

Esuli e rimasti

Arcobaleno

Arcobaleno, febbraio 2017
15 Gennaio 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, febbraio 2017
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 202
16 Gennaio 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAProcedendo in una ricerca interiore UOMINI E SEGNIDedicato a Erna Toncinichdi Daina Glavočić SAGGIL’interferenza del croato nell’apprendimento...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi in edicola il nuovo numero di "Panorama"Panorama, n.17, 15 settembre 2017  
More inUltimo numero