Cultura

Trieste e Fiume: Teatri in sintonia

TRIESTE | Il Teatro nazionale croato “Ivan de Zajc” di Fiume, con i suoi massimi rappresentanti, è tornato a Trieste per la conferenza stampa di illustrazione della stagione 2017-18, ripetendo l’esperienza dell’anno scorso, nata dalla collaborazione con l’Associazione triestina Amici della Lirica “G. Viozzi”. L’incontro si è svolto nella sala del Vis a Vis hotel, con la partecipazione dell’assessore comunale alla cultura, Serena Tonel, di una rappresentanza consolare della Repubblica di Croazia e dei presidenti e direttori del “Verdi” e del Teatro sloveno. L’iniziativa si sposa con un programma degli Amici della Lirica di presenza a Fiume in occasione delle singole rappresentazioni, in special modo operistiche. Una prassi che è diventata tradizione e sta coinvolgendo un numero sempre maggiore di pubblico. Fiume è a soli settanta chilometri, gli spettacoli iniziano alle 19.30 dando il tempo a chi vuole godersi la messinscena, di rientrare in tempi ragionevoli. Ma il legame è dovuto anche ad altre ragioni, ben sottolineate dall’assessore Tonel, ovvero “il piacere di creare rete in ambito culturale teatrale”, una vocazione sempre più ambita dalla città di Trieste.


Tradizione e innovazione

La stagione, come anticipato dal sovrintende del Teatro fiumano, Marin Blažević, è concepita attraverso vari livelli che sposano la tradizione all’innovazione, con autori come Puccini, Bellini e Verdi, affidati ad artisti locali, che si sono cimentati nei teatri del mondo portando con sé esperienze formative e tanti sogni da realizzare. Insieme a registi come Fabrizio Melano, presente alla conferenza stampa insieme a Blažević e al direttore dell’Opera Petar Kovačić.
La stagione - è stato detto - inizierà il 23 ottobre con il capolavoro di Giacomo Puccini “La Bohème”, per la regia di Fabrizio Melano. Il noto regista vanta un curriculum notevole, grazie anche alla pluriennale collaborazione con il “Metropolitan” di New York, dove ha collaborato con cantanti di grande fama come Renata Scoto e Luciano Pavarotti. Melano ritorna al Teatro di Fiume dopo il successo dell’allestimento del “Werther” nella scorsa stagione. Alla direzione ci sarà il direttore stabile del Teatro di Fiume Ville Matvejeff, che anche il pubblico triestino ha più volte apprezzato per l’estrema versatilità e musicalità nell’affrontare stili diversi.

Evoluzione continua

A differenza della stagione triestina che separa il programma operaistico da quello sinfonico, a Fiume, i due generi convivono intrecciandosi nel corso di tutta la stagione, ha spiegato Kovačić. A febbraio seguirà la prima di “Didone e Enea” di Henry Purcell, tragica e mitologica storia di una regina abbandonata, che verrà messa in scena dalla regista finlandese Mirva Koivukangas. Alla direzione dell’Orchestra del Teatro ci sarà il giovane direttore croato Tomislav Facini. Nei mesi di aprile e maggio il regista Marin Blažević chiuderà la trilogia a sua firma di opere verdiane su testi shakespeariani.
Tanti altri saranno gli appuntamenti importanti di una stagione senz’altro ricca e votata all’innovazione, alla sperimentazione che pone a confronto diversi modi di proporre cultura. Quella di Fiume, vista anche la stagione del Dramma Croato, che fa parte con il balletto e il Dramma Italiano dello “Zajc”, è una realtà in continua evoluzione, che si misura con esperimenti di varia provenienza, mettendo a confronto le capacità interne, un connubio spesso vincente. Presentare la stagione a Trieste è anche un modo per sottolineare la possibilità di ulteriori collaborazioni e sinergie, come già avviene con il Dramma Italiano. Nel 2020 Trieste e Fiume, saranno capitali europee rispettivamente della scienza e della cultura che certo passeranno anche da esperienze come questa.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 126 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Progetto abbonamenti gratuiti

Gentili lettori,
abbiamo il piacere di informarVi che, su iniziativa della Direzione dell’EDIT, è decollato il progetto degli abbonamenti gratuiti al digitale del quotidiano La Voce del Popolo (della durata di un anno) destinati agli esuli e loro discendenti e più in generale a persone che vivono all’estero (non in Croazia e Slovenia) interessate a seguirci su Internet.

I primi hanno già ricevuto l'email con tanto di codice per accedere all'abbonamento gratuito.

Il progetto continua e chi fosse interessato a ottenerlo e ancora non ci avesse trasmesso i propri dati può farlo inviandoci un messaggio contenente gli stessi all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
13 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

Sebbene le prime proiezioni prevedessero la vittoria di Borut Pahor già al primo turno delle presidenziali in Slovenia, i primi risultati indicano che gli sloveni dovranno recarsi alle urne una...
More inPolitica  

Fiume

In occasione del 26º anniversario della costituzione della 128ª brigata dell’Esercito croato “San Vito”, avvenuta il 22 ottobre 1991, nella Casa croata della cultura (HKD) di Sušak ha avuto luogo...
More inCronaca fiumana  

Istria

MONTONA | L’affascinante cittadina istriana di Montona, situata in cima al colle, è nota nel mondo per essere stata la patria di diverse personalità importanti: dal compositore Andrea Antico al...
More inCronaca istriana  

Pola

Dopo l’ultima seduta estiva (del 27 luglio), e tre mesi di pausa, torna a riunirsi in autunno il Consiglio cittadino di Pola. L’appuntamento è per domani pomeriggio alle 17 e tra i punti all’ordine...
More inCronaca polese  

Capodistria

ISOLA | In questi giorni si è conclusa la prima parte del progetto dedicato all’imprenditoria tra i giovani, promosso dall’Agenzia pubblica slovena “SPIRIT” e organizzato a Isola dall’Ente...
More inCapodistriano  

FVG

Thumbnail Valzer di direttori per il gruppo L’Espresso, che include, in FVG, anche i quotidiani Messaggero Veneto e Il Piccolo. Proprio per quest’ultimo è stato sancito un cambio di direzione. Dal 20 aprile il...

Cultura

ALBONA | “Elemento grafico” (Grafički element) è una mostra itinerante con la quale la galleria “Alvona” ha chiuso la sua stagione espositiva 2017, iniziata nel mese di giugno. Inaugurata lo scorso...

Arcobaleno

Arcobaleno, ottobre 2017
15 Ottobre 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, ottobre 2017
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi in edicola il nuovo numero di "Panorama"Panorama, n.19, 15 ottobre 2017  
More inUltimo numero