Cultura

... e Neresine si vestì da Ninfa (3)

16 osseroPurtroppo non sono state trasmesse le partiture musicali; è comunque degna di rilievo la presenza del clavicembalo nella quinta ghirlanda, laddove le pièce ragusee privilegiavano la zampogna, il flauto a una o due canne e la ciaramella del balcano.. in ragione del “color locale” (nota n. 4).

È grazie al felice rapporto in essere tra la cittadinanza e il conte capitano Sebastiano Querini che ci è pervenuta questa testimonianza della vivacità culturale degli abitanti delle isole di Cherso ed Ossero verso la fine del XVI secolo.


Cenni biografici

Stefanello De Petris, compilatore della raccolta: della sua vita si sa molto poco, così lo descrive Iacopo Cella: “entrato in Consiglio il giorno 29/6, 1583, a 23 anni copriva già l’importantissima carica di giudice: più tardi ebbe altri onorifici incarichi, fu ambasciatore a Venezia ecc. ecc.. Di lui conosciamo anche un’Orazione letta alla partenza del conte Sebastiano e pubblicata separatamente a Vicenza nel 1588” (nota n. 5).
Sebastiano Querini – conte-capitano di Cherso e Ossero, nato nel 1556, era figlio di quell’Andrea Vincenzo che nel 1537 aveva preso parte all’impresa di Obrovazzo contro i Turchi, rimettendoci la funzionalità di un braccio a causa di un’archibugiata. Sebastiano, era sposato con Franceschina Longo, che nella ghirlanda n. 2, quella che vede protagonisti Giasone e Medea, viene così celebrata: “….honor de l’Hadria,/Donna la più genitl benigna e casta/Dè’ tempi suoi (…)”
La coppia ebbe sei figli, quattro dei quali morti in tenera età. In particolare, Alvise Marcantonio Benedetto morì a soli tre mesi nel gennaio del 1596, mentre il Querini era provveditore di Cividale (1595-1596). Questa volta la reggenza non fu particolarmente felice, Cividale stava vivendo un periodo di particolare violenza dovuta alla sfrontatezza dei nobili locali, molti dei quali divisi in due fazioni nemiche (nota n. 6).
Non è nota la data della sua morte, il Cicogna riferisce che egli sicuramente viveva ancora del 1626 quando precisò nel suo testamento che voleva essere sepolto a Venezia nella chiesa delle Vergini, dove aveva fatto costruire un altare dedicato a San Sebastiano, commissionando l’esecuzione della pala ad Antonio Vassilacchi (1556-1629), detto l’Aliense.


Querini, conte-capitano

Il Querini aveva accettato la nomina a conte-capitano di Cherso e Ossero il 17 aprile 1586 e aveva iniziato il suo reggimento il 5 luglio 1586, terminandolo l’8 luglio 1588. Come ricorda Luigi Tomaz (nota n. 7), sin dai primi giorni aveva aiutato la Comunità, facendo sì che potesse attingere dalle entrate giudiziarie destinate al Censo statale la somma necessaria a riparare il Palazzo Comunale, compresa la sala “nella qual a tempi di carnevale, et di fiera si redduce il ballo et ogni festa pub.ca giusta il consuet.o della Città (…)”. I lavori si protrassero nel biennio, nel 1586 fece restaurare una cisterna dal taiapiera Girolamo. Nel 1587 incaricò il tagiapiera Marco Soldatich del restauro di due colonne con capitelli nel cortile, nonché di interventi sul balcone della camera sopra la corte del palazzo, scaletta, pergola, quattro bifore del portico. Per la doratura del leone di San Marco, che era sul fronte del palazzo stesso, pagò 69 lire all’indorador Zuane Gapich. Intervenne anche sulle mura cittadine. Come osserva il Mitis “questo rettore veneto non trascurava neanche le minuzie”, si premurò, infatti, di dare persino disposizione scritta affinché “.. a vender la calcina la sia bagnata, si che s’attacchi al muro” (nota n.8).
Il Tomaz loda Sebastiano Querini anche per il sostegno che diede alla Comunità Chersina e Osserina nei confronti delle “indegnità del vescovo Coriolano Garzadori”, che nel Consiglio del 12 ottobre 1587 venne accusato dai rappresentanti del Fontego di malefatte ed infamie. Il Querini, che aveva intravisto una loro ritrosia per paura di ritorsioni, li incoraggiò a denunciarlo. Il Consiglio deliberò, pertanto, di rivolgersi con un ambasciatore al Doge perché adottasse adeguati provvedimenti. Prevedendo rivalse da parte del vescovo, venne pure deliberato che, tutti quelli che fossero stati da lui perseguiti, sarebbero stati difesi a nome e a spese della Comunità. Così la Comunità dovette difendere il Querini, pesantemente accusato dal Garzadori, presentando al Senato veneziano un memoriale durissimo contro il vescovo e in difesa del Conte, che venne chiamato “Padre della Patria” (nota n. 9).
Le controversie tra gli abitanti e il vescovo furono in parte appianate con la ducale Cicogna del 18 giugno 1588, e definitivamente concluse con l’intervento del Provveditore generale delle Province, Federico Nani, che venne appositamente in isola ed espresse le sue conclusioni il 2 luglio 1589 (nota n. 10).
Non va sottaciuto che la Serenissima Repubblica di Venezia si arrogava una certa indipendenza dal punto di vista religioso, mentre il Garzadori era molto impegnato ad adeguare la vita religiosa della sua diocesi alle normative tridentine (nota n. 11). La vertenza non dovette finire a sfavore del Garzadori, visto che mantenne l’incarico di vescovo di Ossero fino al 1614, e che lo lasciò per sua scelta, facendo nominare al suo posto il suo stesso nipote Ottaviano. Mi riservo di approfondire l’argomento in un apposito studio.
Concludendo la carrellata sulla presenza del Querini a Cherso e Ossero, va evidenziato che l’archivio di Ossero, oggi conservato a Fiume, contiene una busta con gli atti risalenti al suo rettorato: n. 42 Acta Cancelleriae Ausseri A. 1585-1588 (nota n. 12).
Segnalo, in particolare, perché più strettamente legati alla nostra isola, il fascicolo n. 21, relativo al Sindicatus Lussini (VIII. 1586-19. I. 1588), f. 811-837; il fascicolo n. 34 “Contra quelli di Lossino per occasione delle guardie” (1586-1588) f. 1127-1158; e il fascicolo n. 35 “Contra quelli de Neresine per furto Marco Rudanich et Zuanne Petizza” (1585-1586) f. 1161-1176. I primi fascicoli di questa busta (da 1 a 18) contengono, invece, atti più generali assunti dal Querini, anche questi potrebbero contenere informazioni particolarmente interessanti. In realtà, avendo tempo da spendere a Fiume, tutto l’archivio osserino meriterebbe uno studio approfondito.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 96 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Progetto abbonamenti gratuiti

Gentili lettori,
abbiamo il piacere di informarVi che, su iniziativa della Direzione dell’EDIT, è decollato il progetto degli abbonamenti gratuiti al digitale del quotidiano La Voce del Popolo (della durata di un anno) destinati agli esuli e loro discendenti e più in generale a persone che vivono all’estero (non in Croazia e Slovenia) interessate a seguirci su Internet.

I primi hanno già ricevuto l'email con tanto di codice per accedere all'abbonamento gratuito.

Il progetto continua e chi fosse interessato a ottenerlo e ancora non ci avesse trasmesso i propri dati può farlo inviandoci un messaggio contenente gli stessi all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
13 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

Alle prossime elezioni politiche i cittadini italiani residenti all’estero voteranno, come noto, per corrispondenza. A ricevere il plico elettorale all’indirizzo segnalato al Consolato di...
More inPolitica  

Fiume

Zlatko Komadina, presidente della Regione litoraneo-montana ha invitato il governo a creare un piano B per l’Uljanik e più in generale per tutta l’industria della cantieristica navale. “Il nostro...
More inCronaca fiumana  

Istria

UMAGO | Sin dagli inizi del turismo in Istria, Umago è sempre stata una città che ha ospitato eventi importanti: a partire dal concorso di bellezza Miss Jugoslavia, a incontri di pugilato – uno su...
More inCronaca istriana  

Pola

Si stanno sempre più delineando i contorni della rotatoria di Montegrande all’incrocio tra via Dignano e via Fasana. Iniziati ormai da quasi una settimana, la costruzione dell’isola spartitraffico...
More inCronaca polese  

Capodistria

Candele davanti alla discoteca Ambasada Gavioli di Isola. Le hanno messe gli affezionati per esprimere, in modo simbolico, il loro dispiacere sulla sorte del locale, frequentato anche da migliaia di...
More inCapodistriano  

FVG

È scomparso Luciano Lago, già professore di Geografia generale, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste e Presidente dell’Università Popolare di Trieste dal 2004 al 2009. Ha...

Cultura

FIUME | È grande l’attesa per “Ivica i Marica” (Hänsel e Gretel), il balletto che si rifà sull’omonima celeberrima fiaba tedesca riportata dai fratelli Grimm, in programma venerdì 26 gennaio, nel...

Sport

POLA | Sotto sotto, qualcosa si sta muovendo in seno all’Istra 1961. No, il tanto atteso passaggio di proprietà non si è ancora verificato e chissà se mai avverrà, ma forse un barlume di speranza...
More inSport  

Esuli e rimasti

Con il cuore dentro il cinema, Mario de Luyk, di famiglia lussignana ha sempre tanto da insegnare. È stato in grado di regalare all’Istria e a Fiume momenti indimenticabili, nel vero senso della...
More inEsuli e rimasti  

Arcobaleno

Arcobaleno, dicembre 2017
15 Dicembre 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, dicembre 2017
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi in edicola il nuovo numero di "Panorama"Panorama, n.01, 15 gennaio 2018  
More inUltimo numero