Cultura

Stimolanti proiezioni d’oltreconfine

20 DSC08147FIUME Un documentario che racconta piazza Ponterosso, luogo in cui in tempi neanche tanto lontani il socialismo jugoslavo incontrava il capitalismo triestino. Un mondo ormai tramontato, che non esiste più, ma che alla fin fine è ancor sempre molto bene impresso nella memoria di tantissime persone. Non soltanto a Trieste, ma pure in tutti gli Stati nati dalla dissoluzione della Jugoslavia. Si presenta così la pellicola di Alessio Bozzer dal titolo “Trieste, Yugoslavia”, presentata ieri alla Facoltà di Filosofia di Fiume, nell’ambito di un appuntamento riservato agli studenti del Dipartimento di storia.

Il cortometraggio – che ha avuto la sua prima mondiale alla scorsa edizione del Trieste Film Festival – descrive con dovizia di dettagli gli anni d’oro dello shopping triestino. Quello, per intendersi, che i cittadini dell’ex Jugoslavia effettuavano nel capoluogo giuliano. Durante gli anni ’70 e ’80 del secolo scorso il centro di Trieste, in particolare il mercato in piazza Ponterosso, brulicava di acquirenti che giungevano dall’ex Jugoslavia, interessati ad articoli di vario genere, che all’epoca non si potevano trovare, o che semplicemente erano troppo cari nel loro Paese d’origine, ovvero articoli d’abbigliamento, caffè, pasta e riso, detersivi, che caratterizzavano immancabilmente la spesa d’oltreconfine. Il prodotto di punta erano però i jeans, simbolo della ribellione e della moda occidentale. Basti pensare che l’azienda italiana di abbigliamento “Rifle” produceva in quegli anni 50mila paia di jeans al giorno, gran parte dei quali venivano spediti proprio a Trieste per essere venduti ai cittadini jugoslavi. Per fare un confronto, l’attuale produzione italiana di jeans è di circa 200mila capi all’anno.
Il regista Alessio Bozzer nel realizzare il documentario, ha eseguito riprese in Slovenia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina e Serbia. Ne è nata una sorta di mosaico della durata di 60 minuti, che vede protagonisti attori, intellettuali, filosofi, antropologi, storici, musicisti, che condividono i loro ricordi, le esperienze, i viaggi in pullman, treno e automobile per raggiungere il capoluogo giuliano. Ma anche doganieri di entrambi i Paesi, che raccontano simpatici aneddoti sull’“innocuo contrabbando”, senza dimenticare i commercianti triestini che in quegli anni hanno vissuto il loro periodo d’oro. La pellicola fa intendere che lo shopping jugoslavo a Trieste ha avuto dimensioni gigantesche: 200 miliardi di lire annui d’incasso sulle bancarelle di piazza Ponterosso e piazza Libertà.


Prossimi appuntamenti

Al termine della proiezione del documentario abbiamo raggiunto il regista per alcune dichiarazioni a caldo. “È stata la prima presentazione in Croazia, che però non può essere considerata ufficiale – ha spiegato Alessio Bozzer –. È stata infatti, una proiezione riservata soltanto agli studenti del Dipartimento di storia della Facoltà di Filosofia di Fiume. Le presentazioni fuori Trieste sono sempre stimolanti perché abbiamo a che fare con un pubblico diverso. Anche se in quest’occasione quest’ultimo era composto da giovani studenti che sono nati molto tempo dopo il periodo raccontato nel documentario e probabilmente non hanno avuto modo di conoscere direttamente quell’epoca, credo che il racconto di quel mondo che non esiste più li abbia comunque coinvolti tanto”.
“Al momento siamo in attesa di alcune risposte volte alla presentazione ufficiale della pellicola al Festival cinematografico di Montona – ha proseguito il regista –. Successivamente cercheremo di organizzare degli appuntamenti minori all’interno di altri Festival ed eventi. Vorremmo proporlo inoltre all’Art cinema ‘Croatia’ di Fiume. Intanto, uno dei prossimi appuntamenti è quello del primo giugno al cinema Otok di Isola”, ha detto ancora Bozzer annunciando infine un nuovo progetto attualmente in lavorazione: “Sono in una primissima fase di ricerca sul cinema nell’ambito della Comunità degli Italiani di Buie. L’idea è di realizzare un documentario che descriva, proprio attraverso il luogo della sala cinematografica, la vita all’interno del sodalizio stesso e il rapporto con quanti sono giunti qui per sistemarsi nelle case abbandonate dagli esuli. Sarà uno spaccato della storia di Buie che va dagli anni ‘50 agli anni ‘70 del secolo scorso”, ha concluso il regista.
“Trieste, Yugoslavia” è prodotto dalla triestina “Videoest”, coprodotto da “Missart” di Zagabria e “Al Jazeera Balkans” di Sarajevo. Alla sua realizzazione hanno collaborato anche Rai Cinema e la Radio Televisione Croata (HRT).

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 198 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Progetto abbonamenti gratuiti

Gentili lettori,
abbiamo il piacere di informarVi che, su iniziativa della Direzione dell’EDIT, è decollato il progetto degli abbonamenti gratuiti al digitale del quotidiano La Voce del Popolo (della durata di un anno) destinati agli esuli e loro discendenti e più in generale a persone che vivono all’estero (non in Croazia e Slovenia) interessate a seguirci su Internet.

I primi hanno già ricevuto l'email con tanto di codice per accedere all'abbonamento gratuito.

Il progetto continua e chi fosse interessato a ottenerlo e ancora non ci avesse trasmesso i propri dati può farlo inviandoci un messaggio contenente gli stessi all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
11 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

Alle prossime elezioni politiche i cittadini italiani residenti all’estero voteranno, come noto, per corrispondenza. A ricevere il plico elettorale all’indirizzo segnalato al Consolato di...
More inPolitica  

Fiume

Zlatko Komadina, presidente della Regione litoraneo-montana ha invitato il governo a creare un piano B per l’Uljanik e più in generale per tutta l’industria della cantieristica navale. “Il nostro...
More inCronaca fiumana  

Istria

UMAGO | Sin dagli inizi del turismo in Istria, Umago è sempre stata una città che ha ospitato eventi importanti: a partire dal concorso di bellezza Miss Jugoslavia, a incontri di pugilato – uno su...
More inCronaca istriana  

Pola

Si stanno sempre più delineando i contorni della rotatoria di Montegrande all’incrocio tra via Dignano e via Fasana. Iniziati ormai da quasi una settimana, la costruzione dell’isola spartitraffico...
More inCronaca polese  

Capodistria

Candele davanti alla discoteca Ambasada Gavioli di Isola. Le hanno messe gli affezionati per esprimere, in modo simbolico, il loro dispiacere sulla sorte del locale, frequentato anche da migliaia di...
More inCapodistriano  

FVG

È scomparso Luciano Lago, già professore di Geografia generale, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste e Presidente dell’Università Popolare di Trieste dal 2004 al 2009. Ha...

Cultura

FIUME | È grande l’attesa per “Ivica i Marica” (Hänsel e Gretel), il balletto che si rifà sull’omonima celeberrima fiaba tedesca riportata dai fratelli Grimm, in programma venerdì 26 gennaio, nel...

Sport

POLA | Sotto sotto, qualcosa si sta muovendo in seno all’Istra 1961. No, il tanto atteso passaggio di proprietà non si è ancora verificato e chissà se mai avverrà, ma forse un barlume di speranza...
More inSport  

Esuli e rimasti

Con il cuore dentro il cinema, Mario de Luyk, di famiglia lussignana ha sempre tanto da insegnare. È stato in grado di regalare all’Istria e a Fiume momenti indimenticabili, nel vero senso della...
More inEsuli e rimasti  

Arcobaleno

Arcobaleno, dicembre 2017
15 Dicembre 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, dicembre 2017
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi in edicola il nuovo numero di "Panorama"Panorama, n.01, 15 gennaio 2018  
More inUltimo numero