Cultura

A nudo le fragilità umane del Vate

FIUME | Nel contrasto tra euforia e malinconia, commedia e dramma, si svolge il nuovo spettacolo del Dramma Italiano, “Cabaret D’Annunzio”, di Fabrizio Sinisi per la regia di Gianpiero Borgia, che ha debuttato in prima assoluta venerdì al Teatro nazionale Croato “Ivan de Zajc” di Fiume. È una commedia musicale, dolce, amara, divertente, ironica e nello stesso tempo tragica e grottesca, che descrive il Vate fuori dall’agiografia consueta e lontano dalle mistificazioni dovute alle varie storiografie. Un excursus nella vita appassionata, nelle imprese e nei segreti di uno dei massimi poeti del Novecento, concentrato però più sull’uomo, le sue fragilità e i dissidi interiori, che sull’eroe decadente. È questo, infatti, il primo aspetto che salta subito all’occhio dello spettatore e ne stimola l’attenzione suscitando un interesse sempre crescente e coinvolgente.

Nonostante le oltre due ore di durata, con un intervallo, è una pièce dinamica, per niente pomposa o ridondante. Merito della regia sorprendentemente snella e fluida di Gianpiero Borgia. I due atti, infatti, seppur densi, scorrono via veloci e si arriva alla fine di essi senza accorgersene.
Borgia riesce a confezionare uno spettacolo di musica e prosa, poesia e biopic, dramma didattico, azione e narrazione. E questo finto “Cabaret” si muove con agio tra un genere e l’altro, creando una miscela che vuole divertire, cioè fare riflettere, istruire e quindi sorprendere, nel tentativo grandioso e impossibile che il teatro ha sempre sentito come suo specifico: cambiare se non il corso, almeno la lettura della storia.
E da quest’impostazione ne fuoriesce un’immagine del Vate che non è dipinta con apologia, tutta rose e fiori. È, bensì, una figura che disprezza gli altri, colpevoli soltanto di essere sé stessi. Allo stesso modo viene affrontato anche il lato più intollerante di D’Annunzio e la sua poca considerazione per la popolazione croata, che secondo lui non merita libertà di pensiero e voce in capitolo. Ma anche per quella parte della popolazione che si definisce fiumana e non italiana, e che lui aggredisce apostrofandoli come bugiardi, soltanto per il fatto che viene messo di fronte a una realtà molto più complessa di come la intende.

Mezzo secolo di storia

“Cabaret D’Annunzio”, diviso in episodi, affronta un arco di tempo di 50 anni. S’inizia con la sua giovinezza, e in particolare con l’ipotetica morte, che inscena all’età di sedici anni. Per motivi di esibizionismo ma anche per vendere le copie della sua prima silloge, un giovanissimo D’Annunzio diffonde mediante un comunicato la falsa notizia che annuncia la sua scomparsa. Segue l’episodio dell’amore profondo e passionale con Eleonora Duse, fino alla parte più interessante che è quella dell’Impresa di Fiume e quindi l’epilogo finale con la vicenda di Gardone di Riviera, dove costruisce la sua eterna dimora. Sono tutti episodi arricchiti da particolari della sua vita, come i neologismi da lui coniati (Tramezzino e la Rinascente), ma anche la sua opposizione all’avvicinamento dell’Italia fascista al regime nazista, bollando Adolf Hitler come una persona feroce da evitare.
Di altissimo livello, linguistico e recitativo i vari personaggi interpretati dagli attori del Dramma Italiano e da quelli ospiti. Un cast di grandi professionisti che scendono nelle profondità dei personaggi.


Un cast eccezionale

A iniziare da Fabrizio Coniglio nella parte di Gabriele D’Annunzio, in cui si nota un grandissimo lavoro fatto sul personaggio e una grande capacità di adattarsi allo stesso. È entusiasmante la sua prova attoriale e ottimo il lavoro fatto sulla fisicità: la postura del personaggio, la camminata affaticata dall’età, quello sguardo leggermente perso di chi non coglie visivamente tutto e si sente vivo a metà. Coniglio dona al pubblico un personaggio tutto d’un pezzo, statuario, profondamente capace di un’ironia tagliente.

Non da meno è Mirko Soldano, che interpreta l’insostituibile segretario, confidente e suo biografo, Tom Antongini. È lui il collante che unisce i vari episodi dell’emblematica vita di D’Annunzio. Sono particolarmente belli i dialoghi e gli incontri tra i due, tanto da restituire allo spettatore la voglia e la bellezza di andare a teatro.
La Eleonora Duse di Elena Cotugno è intensa, vera, umana. Riesce a dipingere con la giusta dose di esclusività e sofisticatezza l’attrice considerata come la Marilyn Monroe dell’epoca.
Convincenti pure Rosanna Bubola nelle vesti della scrittrice e femminista Olga Ossani; Anton Plešić nel ruolo dell’editore Emilio Travers e poi, durante l’Impresa fiumana, in quello del magnate Cosulich. Leonora Surian Popov si cala perfettamente nei panni dell’amante Barbara Leoni e successivamente in quelli della signora Cosulich e infine come Luisa Baccara, l’ultima compagna di D’Annunzio.
Brave anche Ivna Bruck come la governante Aelis ed Ermione, e Sabina Salamon nella parte di una donna croata che gli dà del falso rivoluzionario.
Giuseppe Nicodemo è un ottimo e scaltro Scarfoglio, il giornalista che sfidò a duello il Vate, ferendolo, e poi anche un vecchio colonnello fiumano dell’esercito austroungarico costretto a confrontare D’Annunzio per la sua fiumanità e non italianità. Valerio Tambone regala, invece, un Duce schizoide, paranoico, pronto a tutto pur di avere l’approvazione di D’Annunzio al regime. Un gruppo di attori omogeneo, generoso nelle emozioni, che danza, canta e si dona al pubblico.
La scenografia di Aleksandra Ana Buković, elegante, raffinata e ricercata, è composta da un piccolo palco, che richiama un pianoforte bianco, attorniato a sua volta da un’enorme cornice che domina il centro della scena, diventando un portale attraverso il quale gli episodi della vita di D’Annunzio prendono forma. Sullo sfondo vengono proiettate alcune immagini. Bellissimi ed eleganti i costumi di Manuela Paladin Šabanović. Una nota particolare meritano le musiche di Aleksandar Velenčić. Sono, infatti, svariati i numeri canori che vedono un repertorio dell’epoca e anche canzoni di guerra. Una delle quali, diffusa attraverso una piccola radiolina, è cantata da Bruno Petrali.
Lo spettacolo va in scena a Fiume anche oggi, domani e dopodomani (ore 19.30). Previste oggi e mercoledì pure due repliche a mezzogiorno per gli alunni delle scuole italiane.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 177 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Progetto abbonamenti gratuiti

Gentili lettori,
abbiamo il piacere di informarVi che, su iniziativa della Direzione dell’EDIT, è decollato il progetto degli abbonamenti gratuiti al digitale del quotidiano La Voce del Popolo (della durata di un anno) destinati agli esuli e loro discendenti e più in generale a persone che vivono all’estero (non in Croazia e Slovenia) interessate a seguirci su Internet.

I primi hanno già ricevuto l'email con tanto di codice per accedere all'abbonamento gratuito.

Il progetto continua e chi fosse interessato a ottenerlo e ancora non ci avesse trasmesso i propri dati può farlo inviandoci un messaggio contenente gli stessi all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data age > 6 hrs
Fiume
9 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

In vista delle elezioni che interesseranno nel mese di marzo l’Italia e a giugno la Slovenia, è importante costruire basi forti affinché la collaborazione continui, nel segno dell’amicizia, anche...
More inPolitica  

Fiume

È Iva Ciceran del gruppo “Vavek Parićani” di Mattuglie la 23.esima reginetta del Carnevale fiumano. Otto le candidate che si sono contese il titolo e la corona. Ad affiancare la reginetta di...
More inCronaca fiumana  

Istria

UMAGO | Sono due gli enti pubblici istituiti di recente a Umago con lo scopo di agevolare e semplificare le attività nel campo dello sviluppo e delle manifestazioni pubbliche. Del primo si occuperà...
More inCronaca istriana  

Pola

Tirate da poco le somme della stagione turistica 2017, sono già in corso i preparativi per affrontare quella dell’anno da poco iniziato. Accanto agli interventi di ordinaria manutenzione previsti...
More inCronaca polese  

Capodistria

PIRANO| L’ultima seduta del Consiglio comunale di Pirano ha visto l’approvazione di una serie di decreti di rilievo. I consiglieri hanno riconfermato all’unanimità Franco Juri direttore del Museo...
More inCapodistriano  

FVG

È scomparso Luciano Lago, già professore di Geografia generale, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste e Presidente dell’Università Popolare di Trieste dal 2004 al 2009. Ha...

Cultura

Tutt’altro che un ambiente adatto a procurare solamente qualche libro ameno e le letture domestiche richieste dalle materie linguistico-letterarie, la biblioteca scolastica è un’“istituzione...

Sport

FIUME | I primi giorni del nuovo anno coincidono solitamente con le cerimonie di proclamazione dei migliori sportivi. Ieri sera a eleggere gli atleti più bravi nel corso del 2017 è stata anche la...
More inSport  

Esuli e rimasti

Con il cuore dentro il cinema, Mario de Luyk, di famiglia lussignana ha sempre tanto da insegnare. È stato in grado di regalare all’Istria e a Fiume momenti indimenticabili, nel vero senso della...
More inEsuli e rimasti  

Arcobaleno

Arcobaleno, dicembre 2017
15 Dicembre 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, dicembre 2017
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi in edicola il nuovo numero di "Panorama"Panorama, n.01, 15 gennaio 2018  
More inUltimo numero