Cultura

Un progetto discografico d’eccellenza

FIUME | La splendida musica del grande compositore croato Boris Papandopulo è pronta per conquistare l’Europa, ma anche il mondo. Infatti, qualche sera fa si è tenuta nel Teatro Nazionale Croato “Ivan de Zajc” di Fiume la presentazione del primo CD realizzato per una casa discografica straniera, la CPO, che produce musica classica.

Il CD, che propone il Terzo concerto per pianoforte e orchestra e il Concerto per violino e orchestra op.125, entrambi di Papandopulo, è stato inciso tra il 6 e il 13 giugno 2016 dall’Orchestra dell’Opera del Teatro fiumano e dai solisti Oliver Triendl al pianoforte e Dan Zhu al violino, sotto la direzione del Mº Ville Matvejeff.
Il sovrintendente dello “Zajc”, Marin Blažević, ha dichiarato nell’occasione che due anni fa, nel momento in cui è diventato direttore dell’Opera, la proposta di realizzare un progetto del genere gli era sembrata un film di fantascienza. Invece, l’idea si è avverata e avrà il suo seguito in nuovi progetti discografici, che si stanno pianificando nei prossimi mesi.
Il lato musicale del CD è stato illustrato dalla storica e per anni critica musicale, Bosiljka Perić Kempf, la quale ha rilevato che le due composizioni di Papandopulo sono opere rappresentative del suo straordinario opus.
“Questo CD si distingue da tutti gli altri, anche se pochi, prodotti in Croazia, per il livello di qualità che si percepisce in tutta la sua durata – ha osservato la storica musicale –. In Croazia c’è una scarsa produzione di CD di musica classica e molto spesso questi non raggiungono standard soddisfacenti. Devo ammettere che durante l’ascolto del disco non sono riuscita a individuare alcun difetto nei brani selezionati e proposti”, ha puntualizzato Perić Kempf, nota per le sue critiche musicali, sempre taglienti e precise, nelle quali non ha mai tralasciato di indicare i punti negativi dell’esecuzione, ma nemmeno quelli positivi.
“L’orchestra funziona in maniera perfetta sotto la direzione di un direttore d’orchestra di grande talento, i solisti sono eccellenti e il libretto è realizzato ad arte, con un testo critico di Davor Merkaš, al contempo esauriente e informativo, in lingua tedesca e inglese”, ha spiegato ancora. La storica musicale si è concentrata quindi sulla musica di Papandopulo, che ha definito fruibile, bella, interessante e talentuosa.
“Papandopulo era una persona molto vitale e piena di voglia di fare. Al contempo, dimostrava una sincerità tipica dei bambini. Era semplice nel senso migliore del termine e come tale si approcciava alle persone e alla musica, che definirei ‘spensierata’. La sua musica è affascinante, fresca. Papandopulo vi inserisce con disinvoltura elementi di jazz e folklore e il tutto funziona alla perfezione”, ha spiegato la storica, aggiungendo che il compositore conosceva benissimo le possibilità di tutti gli strumenti e che per molti ha scritto dei concerti solistici virtuosistici. Tra questi anche un concerto per timpano e orchestra. “Per molti versi, Papandopulo segnò la sua epoca. Era molto legato a Fiume (dove è stato direttore dell’Opera in due mandati), città in cui ha dato il meglio di sé”, ha concluso Bosiljka Perić Kempf.
Il Mº Ville Matvejeff si è detto onorato di aver potuto prendere parte a un progetto di questa portata, considerandolo importante non soltanto per il Teatro e per l’orchestra, bensì anche per la musica di Papandopulo, che merita di essere molto più presente nelle sale concerto in Europa e nel mondo. Il pianista tedesco Oliver Triendl ha dichiarato di suonare ormai da un bel po’ di anni la musica dei compositori croati (ha iniziato con le opere di Dora Pejačević), e questo con lo “Zajc” è il suo terzo progetto. Il violinista cinese Den Zhu ha ammesso di essere giunto a contatto con la musica di Papandopulo appena nell’ambito dell’attuale progetto e di volerla diffondere anche negli Stati Uniti e in Cina.
I prossimi progetti discografici che verranno realizzati in seno al Teatro di Fiume riguardano l’incisione di un’opera meno nota di Franz von Suppé, “Il ritorno del marinaio”, e le arie più famose della trilogia shakespeareana di Giuseppe Verdi (Macbeth, Falstaff e Othello). Quest’ultimo vedrà la partecipazione del mezzosoprano Rosanna Rinaldi e del tenore Yusif Eyvazov (consorte del celebre soprano Anna Netrebko).
Il produttore della casa discografica CPO, Peter Ghirardini, ha dichiarato che è difficile trovare in Europa un ente teatrale che funzioni così bene come quello fiumano, in cui lavorano persone che “sono pronte a migliorarsi sempre”.
Alla presentazione, svoltasi nel Foyer dello “Zajc”, è seguito il concerto sinfonico dell’Orchestra dell’Opera, che ha visto l’esecuzione del Terzo concerto per pianoforte e orchestra di Papandopulo, con Oliver Triendl in veste di solista, e della Quinta sinfonia in re minore, op.47, di Dmitri Šostakovič.
Come spiega lo storico musicale, Davor Merkaš, nel testo del libretto, il Terzo concerto per pianoforte e orchestra è particolare per il fatto che dimostra tutta la ricchezza del talento ricettivo di Papandopulo, la sua apertura verso i generi musicali moderni, ossia verso il jazz, che all’epoca (nel 1959, anno in cui il concerto venne composto) nei circoli accademici dell’ex Jugoslavia veniva considerato triviale e destinato alle masse.
Dopo un’introduzione piena di tensione, di una pulsazione sulla quale viene costruito il tessuto “espressionisico-impressionistico” delle prime battute, come viene definito da Merkaš, appare una melodia vivace, trascinante, che viene ripresa in seguito dal pianoforte. La magistrale, fantasiosa orchestrazione del primo movimento, nella quale il compositore gioca con i timbri dei vari strumenti per creare un insieme di grande fascino, fa da supporto al pianoforte, caratterizzato da passaggi virtuosistici, che Oliver Triendl ha reso con disinvoltura e precisione. Lenta e atmosferica la Romanza nel secondo movimento, mentre nel terzo (Molto più mosso), il compositore si è lasciato andare a un giocoso e ritmico motivo jazz variato con un’infinita inventiva. I ritmi trascinanti del terzo movimento hanno fatto sì che l’orchestra dimostri particolare coinvolgimento nella sua esecuzione. Tant’è che, dopo prolungati applausi, lo ha riproposto al pubblico divertito.
Nella Quinta sinfonia di Šostakovič, un’opera ispirata alla “nascita e realizzazione della personalità dell’uomo”, come spiega il compositore stesso, che prosegue “al centro della mia opera, lirica dall’inizio alla fine, ho messo l’uomo con tutte le sue emozioni e tragedie”, l’Orchestra dell’Opera ha offerto un’interpretazione delicata, piena di sfumature, per rendere il pathos di questa composizione sofferta. Nell’ultimo movimento (Allegro non troppo) si sono distinti in maniera particolare i fiati e le percussioni, soprattutto gli ottoni.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 573 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
3 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

ALBONA | Boris Miletić è stato riconfermato presidente della Dieta democratica istriana (DDI) alla 30.esima Assemblea elettiva del partito tenutasi sabato scorso ad Albona, presso il Centro sportivo “Franko...
More inPolitica  

Fiume

Per i bambini la neve rappresenta già di per sé un motivo di divertimento. Se si aggiungono poi le piste per lo slittino, i programmi d’animazione e le lezioni di sci, il gioco diventa ancora più...
More inCronaca fiumana  

Istria

ROVIGNO | All’ultima seduta, tenutasi sabato sera, la sezione locale dell’HDZ del Rovignese ha accolto la richiesta di destituire il consigliere cittadino Sergio Rabar dalla funzione di presidente...
More inCronaca istriana  

Pola

Scoccata l’ora del cambiamento, niente più sarà come prima al cantiere navale Uljanik. E per cambiamento intendiamo quanto avvenuto ieri, durante la seduta dell’Assemblea straordinaria degli...
More inCronaca polese  

Capodistria

CAPODISTRIA | Il progetto “Eduka 2”, per una governance transfrontaliera dell’istruzione, ha fatto tappa ieri a Capodistria con i laboratori dal titolo “Classi transfrontaliere: percorsi didattici...
More inCapodistriano  

FVG

È scomparso Luciano Lago, già professore di Geografia generale, Preside della Facoltà di Scienze della Formazione di Trieste e Presidente dell’Università Popolare di Trieste dal 2004 al 2009. Ha...

Cultura

Una monografia scientifica che ripercorre il quarto di secolo in cui l’Italia amministrava la Venezia Giulia e l’Istria, al fine di analizzare e individuare il livello di tutela del patrimonio...

Sport

foto: Davor Javorovic/PIXSELL OSIJEK | La storia si ripete. Nel 22º turno di Prima Lega il Rijeka è stato battuto per 2-1 in casa dell’Osijek, ancora una volta in una partita segnata da espulsioni e calci...
More inSport  

Esuli e rimasti

È stata avvertita ovunque, come scossa tellurica di assestamento, la tensione che ha accompagnato il Giorno del ricordo, sul quale hanno pesato e pesano la campagna elettorale e certa ignoranza che...
More inEsuli e rimasti  

Arcobaleno

Arcobaleno, febbraio 2018
13 Febbraio 2018
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, febbraio 2018
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 204
01 Agosto 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAL’istinto creativo...SAGGIL’Apoxyomenos di Lussino. Storia e fortuna di un giovane venuto dal maredi Moreno ArlandL’ANGOLO DELLA POESIALivio...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi nelle edicole (vedere lista) il nuovo numero di "Panorama" e sullo sfogliatore www.editdigital.hr Panorama, n.03, 15 febbraio...
More inUltimo numero