Cultura

Com’era il potere popolare in Istria tra il ’45 e il ’53?

TRIESTE | Il Centro di ricerche storiche di Rovigno torna all’IRCI di Trieste con un’altra sua opera importante per comprendere la vicenda dell’Istria. Il volume di Orietta Moscarda Oblak, intitolato “Il potere popolare in Istria 1945-1953”, segna di fatto una svolta nella comprensione di un periodo molto sensibile per tutto il territorio, vale a dire l’immediato dopoguerra. La Moscarda s’affida a un nuovo impianto di fonti che gettano uno sguardo diverso, e più completo, sugli avvenimenti che hanno plasmato il destino di queste terre.

A sottolinearlo, in particolare, lo storico Raoul Pupo dell’Università di Trieste, che ha introdotto il nuovo volume di Moscarda Oblak durante la presentazione tenutasi nella sala di via Torino a Trieste alla presenza di un pubblico molto numeroso e attento. Un’occasione, come rilevato dal presidente dell’IRCI, Franco Degrassi, e dal direttore del CRS, Giovanni Radossi, per consolidare e, soprattutto, rilanciare la collaborazione fra i due istituti senza tacere nei loro interventi alcuni importanti risvolti umani dei loro primi contatti che oggi si sviluppano all’insegna di un grande rispetto che ciò che le due realtà riescono a proporre a un pubblico specializzato, ma anche al semplice cittadino. Ai loro auspici di fruttuosa futura collaborazione si è unito, nel suo saluto, anche il presidente dell’Università Popolare di Trieste, Fabrizio Somma, che ha sottolineato l’importanza del ruolo del Centro rovignese e il prezioso sostegno dell’Ente morale triestino alla comunità italiana in Istria, Fiume e Dalmazia nell’ambito della collaborazione con l’Unione Italiana. “Quest’ultimo volume del CRS – ha spiegato Radossi – corona l’attività del Centro rovignese che il prossimo anno festeggerà il suo 50º anniversario; a conferma del ricco percorso di un’istituzione che vanta oltre 300 titoli, le sue numerose opere e pubblicazioni, l’enorme mole documentaria. Il Centro ha fatto della tutela dell’identità e della presenza della comunità italiana, un inesauribile supporto e una missione alla difesa della dignità dei rimasti e della valorizzazione dell’inestimabile patrimonio italiano, veneto e romanzo di queste terre”.

Un volume d’importanza strategica

Ma di che cosa narra l’opera “Il potere popolare in Istria” di Orietta Moscarda Oblak? “È un volume d’importanza strategica – ha rilevato Pupo – che ricostruisce dall’interno, grazie all’apporto di nuove fonti d’archivio, il meccanismo decisionale, spesso contraddittorio, dei poteri popolari jugoslavi nei confronti della popolazione locale e della componente italiana”. Un meccanismo che provocò una frattura insanabile nella società causando l’esodo e lo sconvolgimento di secolari equilibri civili, culturali, nazionali e demografici. Tutto documentato negli archivi che la Moscarda ha percorso con pazienza e in modo capillare, cercando di rendere note le logiche e i processi decisionali dei vari centri di potere, dall’OZNA all’armata jugoslava, dal Partito comunista ai Comitati popolari di liberazione.
Sappiamo qual’era lo stato d’animo della popolazione, il suo dramma, le sue paure. Ma cosa voleva, realmente, il potere jugoslavo, qual è stata la logica che ha orientato i suoi comportamenti, in una cornice chiaramente totalitaria? “Sono le domande – hanno spiegato gli storici Raoul Pupo e Orietta Moscarda – alle quali ha cercato di dare una risposta il volume affrontando una tematica delicata quanto attesa, spesso gli accadimenti di allora non erano comprensibili alle stesse vittime delle decisioni del potere popolare”. Che cosa si evince dalla ricerca? Che ci fosse un chiaro disegno di pulizia etnica, oppure, semplicemente, che si trattò di un “distacco” insanabile fra la popolazione locale e la logica del potere rivoluzionario? Parte delle risposte vanno ricercate nell’impianto che resse, nell’immediato dopoguerra, la cosiddetta politica dell’unità e fratellanza. La griglia ideologica di tale politica comprendeva solo una parte della componente italiana – ovvero i cosiddetti onesti italiani, organici al sistema – che secondo il regime potevano e dovevano integrarsi, svolgendo un ruolo attivo, nel nuovo ordinamento. Dal disegno d’integrazione erano però escluse ampie fasce di popolazione: tutti gli italiani che non condividevano il progetto annessionista o rivoluzionario jugoslavo, i “borghesi”, i cosiddetti “nemici del popolo”, categoria nella quale vennero gradualmente inseriti tutti coloro che avrebbero finito con l’esprimere anche il minimo dissenso, o qualche velato dubbio sulla “bontà” del nuovo sistema. Della politica dell’unità e fratellanza funzionò bene solo la parte repressiva, mentre quella rivolta a un attivo coinvolgimento della popolazione italiana rivelò ben presto tutte le sue lacune e le sue contraddizioni. Il volume della Moscarda – è stato spiegato a Trieste – nei suoi numerosi capitoli che vanno dalla “presa del potere” al “nuovo ordine”, dall’“organizzazione e autorità del potere civile” al “consolidamento e omologazione politica e nazionale” ripercorre i tratti di “ambiguità” e le numerose contraddizioni del potere jugoslavo, presentando il lungo elenco di errori e di “orrori” commessi dai suoi dirigenti.
Il nuovo potere jugoslavo si basava su quadri emersi dalla lotta di liberazione e dal comunismo di guerra, su una classe dirigente che era spesso espressione di un’ideologia radicale e settaria, priva di reali competenze amministrative e di qualsiasi propensione al dialogo e alla mediazione. La loro qualità principale era l’obbedienza e la fedeltà al nuovo regime. Più che la ricerca del consenso – comunque difficilmente riscontrabile in un contesto non democratico – il loro obiettivo era quello di piegare la popolazione alle loro direttrici politiche e ideologiche.
Si scopre inoltre che per il potere popolare, la drammatica risposta dell’esodo, o comunque le sue enormi proporzioni, fu qualcosa di inaspettato, il frutto dell’attività della “reazione” e dei “nemici del popolo che volevano mettere in cattiva luce il regime comunista jugoslavo”: la loro reazione, fu spesso repressiva, nel goffo tentativo – almeno in parte – di contrastarlo, produsse l’effetto contrario, ingigantendo e acuendo ulteriormente il dramma. Ovviamente una parte degli esponenti del potere popolare guardava con favore all’espulsione della componente italiana – soprattutto quella considerata non funzionale al regime – nel quadro di un radicale progetto cosiddetto “rivoluzionario” di trasformazione della società regionale, o come strumento di bonifica e controllo dei nuovi confini. Sull’Istria si abbatterono in quegli anni inoltre una serie straordinaria di sventure e rivolgimenti: dal peso immane della ricostruzione e dell’introduzione forzata di un nuovo sistema economico e sociale sino alle drammatiche ripercussioni del Cominform. Questo insieme di fattori provocò una pressione insostenibile a cui dettero una tragica risposta, quale valvola di sfogo, le opzioni e l’esodo che coinvolsero la quasi totalità della popolazione italiana e persino parte di quella croata e slovena.


Chiave di lettura

L’analisi dei meccanismi e delle decisioni dei “poteri popolari” jugoslavi nell’opera di Orietta Moscarda offre dunque una visione più complessa e completa di quel difficile periodo. Si tratta, ha precisato Raoul Pupo, di un significativo punto di partenza, dell’inizio di un percorso per nuove ricerche e studi sull’argomento, e di un importante strumento di confronto per gli storici. Con l’auspicio – ha concluso – che volumi come questo possano essere letti, diffusi e conosciuti in un’area quanto più vasta, ben al di là – si spera – del nostro ristretto ambito regionale. Un volume che susciterà l’interesse di tanti, che per molto tempo si saranno interrogati sulle ragioni di ciò che dovettero subire senza averne coscienza, senza alcuna spiegazione, senza alcuna logica. Ora si offre finalmente una chiave di lettura.

 

 

Visit the website Visit the website Visit the website

Who's Online

Abbiamo 179 visitatori e nessun utente online

Sfogliatore - Reader

Progetto abbonamenti gratuiti

Gentili lettori,
abbiamo il piacere di informarVi che, su iniziativa della Direzione dell’EDIT, è decollato il progetto degli abbonamenti gratuiti al digitale del quotidiano La Voce del Popolo (della durata di un anno) destinati agli esuli e loro discendenti e più in generale a persone che vivono all’estero (non in Croazia e Slovenia) interessate a seguirci su Internet.

I primi hanno già ricevuto l'email con tanto di codice per accedere all'abbonamento gratuito.

Il progetto continua e chi fosse interessato a ottenerlo e ancora non ci avesse trasmesso i propri dati può farlo inviandoci un messaggio contenente gli stessi all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Avviso ai lettori

Al fine di far aumentare le visite dei nostri lettori sul nostro portale, da qualche tempo a questa parte abbiamo scelto di impedire agli utenti di poter copiare i testi e le foto delle notizie che pubblichiamo. Nulla impedisce tuttavia, a chiunque voglia diffonderle, di cliccare sui link della notizia che interessa e che reindirizza immediatamente il lettore al nostro portale e, a tal punto, di  copiare dalla casella degli URL per intero e quindi incollare il link della notizia stessa replicandolo altrove. Seguendo questi semplici passi si ottiene il medesimo risultato e si contribuisce contemporaneamente alla diffusione dei nostri servizi e delle nostre testate in rete.

La Redazione

Weather data OK.
Fiume
19 °C

 

 

Facebook

Search

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

Scopri i nostri zainetti

Politica

TRIESTE | Per il rinnovo delle cariche bisognerà attendere l’autunno, ma non per questo l’attività dell’Associazione Giuliani nel Mondo di Trieste accusa battute d’arresto. La dilazione si rende...
More inPolitica  

Fiume

Il rettore dell’Università degli studi di Fiume, Snježana Prijić Samaržija, ha presentato ieri nella sede del Rettorato il suo team di vicerettori. Si è detta compiaciuta del fatto che tutte le...
More inCronaca fiumana  

Istria

UMAGO | Il 2017 è un anno ricco di ricorrenze molto importanti per la Comunità degli Italiani “Fulvio Tomizza” di Umago. Quest’anno, infatti, il sodalizio festeggia l’invidiabile traguardo dei 70...
More inCronaca istriana  

Pola

Stamane verso le 9 ad un kilometro dal porticciolo Mandrač a Pola è stato rinvenuto il cadavere di un bimbo di tre anni. La madre aveva denunciato la scomparsa del bimbo ieri sera verso la...
More inCronaca polese  

Capodistria

Thumbnail CAPODISTRIA| La scuola elementare “Pier Paolo Vergerio il Vecchio” di Capodistria potrebbe aggiudicarsi 50.000 euro destinati all’allestimento della palestra scolastica nell’ambito del concorso...
More inCapodistriano  

FVG

Thumbnail Valzer di direttori per il gruppo L’Espresso, che include, in FVG, anche i quotidiani Messaggero Veneto e Il Piccolo. Proprio per quest’ultimo è stato sancito un cambio di direzione. Dal 20 aprile il...

Cultura

ROMA | Una serie di racconti di donne a cui è stata strappata la vita con il massacro delle foibe. Tragici episodi nati da scarne notizie biografiche, ma ricostruiti attraverso la penna della...

Sport

FIUME | Dopo la lunga notte di festa e il dolce risveglio di lunedì, Fiume torna pian piano alla normalità quotidiana. Il tema dominante in città resta ovviamente il titolo di campione nazionale...
More inSport  

Esuli e rimasti

Thumbnail Le Acli, Associazioni cristiane dei lavoratori italiani, nascono ufficialmente a Roma nell’agosto 1944, per iniziativa di Achille Grandi: “Era convincimento di noi tutti che i lavoratori cristiani,...
More inEsuli e rimasti  

Arcobaleno

Arcobaleno, febbraio 2017
15 Gennaio 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero di "Arcobaleno"Arcobaleno, febbraio 2017
More inUltimo numero  

La Battana

La Battana n. 202
16 Gennaio 2017
Thumbnail In edicola il nuovo numero del "La Battana" PREMESSAProcedendo in una ricerca interiore UOMINI E SEGNIDedicato a Erna Toncinichdi Daina Glavočić SAGGIL’interferenza del croato nell’apprendimento...
More inUltimo numero  

Panorama

Thumbnail Oggi in edicola il nuovo numero di "Panorama"Panorama, n.9, 15 maggio 2017  
More inUltimo numero